Cos’è un impianto Stir e perchè è pericoloso per cittadini

0
23

Cos’è un impianto Stir? Dove apre impianto Stir vicino Casoria? Quali rischi corrono i cittadini di Casoria per apertura Stir? Un impianto Stir inquina? Come funziona un impianto Stir?

Sono queste ed altre le domande che si stanno ponendo i cittadini di Casoria, Comune a Nord di Napoli confinante con il capoluogo partenopeo. Più precisamente, con il quartiere di San Pietro a Patierno, noto soprattutto per aver dato i natali a Nino D’Angelo. Ed è proprio a San Pietro a Patierno che sorgerà un impianto Stir, che farà il paio con un altro impianto Stir che sorgerà sempre in periferia. A Scampia. Quartiere che sta però vivendo una rinascita sociale e culturale.

Del resto, le periferie sono il luogo ideale per realizzare siffatti impianti.

Utilizzate come sono a mo’ di tappeto per nascondere la polvere e tenerla lontana dal centro. In fondo, un impianto Stir a Piazza Plebiscito o sul lungomare di Napoli non sarebbe il caso. Certo, si tratta anche di una esigenza urbanistica. La periferia, per quanto anch’essa inondata dalla colata di cemento vomitata dall’edilizia selvaggia che ha devastato l’Italia tra gli anni ‘50 e inizio ‘90, offre ancora degli spazi sufficienti per questi scopi.

E Casoria di urbanizzazione selvaggia ne sa qualcosa. Comune di circa 77mila abitanti (secondo l’ultima rilevazione ISTA del 28-2-2017) diventato famoso una decina di anni fa per aver ospitato la festa di 18 anni di una ragazza di Portici, Noemi Letizia. La quale sarebbe stata una festa come tante se non fosse che vi partecipò anche l’allora Premier Silvio Berlusconi. Una festa che darà il via allo scandalo olgettine che travolse, seguito dallo Spread, l’ex Cavaliere ed il suo Governo. Ma anche per l’incendiario direttore del CAM Antonio Manfredi. Il quale chiedeva semplicemente un po’ di dignità per il suo museo di arte moderna.

Orbene, la città che ha dato vita a diversi Santi e che un tempo veniva chiamata la Sesto San Giovanni del Sud per la presenza di diverse fabbriche di rilievo nazionale – le quali oggi hanno lasciato solo un paesaggio post-atomico – ora è in subbuglio proprio per la realizzazione di un impianto Stir nella vicina San Pietro a Patierno.

Dato che, come sovente accade in questi casi, non mancano allarmismi e falsa informazione, cerchiamo di fare chiarezza di seguito.

CONTINUA A LEGGERE