L’alfabeto del mio Erasmus a Bamberg

57

Nell’anno accademico 2015/2016 ho avuto il privilegio di prendere parte al progetto Erasmus+, che permette agli universitari dei paesi dell’UE di trascorrere un periodo di studi che varia dai 3 ai 12 mesi in un altro ateneo europeo. Nel mio caso l’Erasmus è durato 11 mesi ed è stato svolto presso l’Otto-Friedrich-Universität di Bamberg, in Germania.

Vorrei fare una sorta di riepilogo della mia esperienza in un modo insolito, attraverso un alfabeto che ripercorra tutte le tappe principali di questo viaggio.

ALTES RATHAUS

È il monumento più famoso della città ed anche il primo luogo che ho visitato appena arrivata. Una foto con il “vecchio municipio” alle spalle è d’obbligo, meglio ancora se di sera tutto illuminato. È davvero un luogo molto suggestivo.

Il Vecchio Municipio, simbolo di Bamberg

BIRRA AFFUMICATA/BOCKBIERANSTICH

L’altro motivo per cui Bamberg è celebre: solo qui potrete assaggiare la vera ed unica Rauchbier, la birra affumicata. Il birrificio Schlenkerla è il più conosciuto, ma è più che altro per turisti. Se volete assaggiarla vi consiglio la Brauerei Spezial o l’Ambräusianum. Ma B è anche la lettera del Bockbieranstich, uno degli eventi più belli che vi siano a Bamberg. Ogni autunno le persone festeggiano la spillatura della birra Boch (ad elevata gradazione). A turno si alternano diversi locali dove potrete testare questa birra buonissima. Una delle serate più pazze che abbia trascorso in città è stato al Bockbieranstich tra il Live Club e l’Haas Säle condita da musica live, balli sui (traballanti) tavoli in legno e tanto divertimento. Un consiglio spassionato: MAI bere la Bochbier a stomaco vuoto……

CORSI

Una delle cose più spiazzanti scoperte in Germania è che ti devi iscrivere ai corsi tramite la tua pagina personale online e anche con una certa velocità altrimenti finisci in lista d’attesa. Il sistema è così complicato che per gli studenti stranieri organizzavano un tutorial di un’ora per far capire come diavolo funzionasse.

DUOMO

Il Keiserdom è un altro dei luoghi da non perdere: costruzione imponente, la cattedrale fu costruita a partire dai primi anni dell’XI secolo. Al suo interno ospita le tombe dell’imperatore Heinrich II e sua moglie Kunigunde. Situato su uno dei sette colli presenti a Bamberg, dalla cima potrete godere di una splendida vista sulla città.

ESAMI

Gli esami sono molto diversi rispetto all’Italia, in primis per i crediti. Se nella mia università di provenienza con un esame ottenevo di media 8 crediti, in Germania spesso mi servivano 4 esami per arrivare ad 8. All’inizio può sembrare spiazzante, ma considerando quanti corsi c’erano e soprattutto molto interessanti e vari, è sicuramente un punto a favore del sistema tedesco.

FEKI

L’organizzazione degli studenti che rappresenta un grande aiuto, specialmente per gli studenti stranieri. Organizzano tantissimi eventi, ti danno informazioni su qualunque aspetto della vita universitaria e non solo. Memorabili sono i partycipate semester, serate magnifiche organizzate dal Feki e che avvengono di solito ad inizio e fine semestre.

GIARDINO DELLE ROSE

Situato vicino alla Neue Residenz: andateci quando le rose sono in fiore e vedrete che spettacolo!

HAUPTBAHNHOF

Il mio punto di riferimento a Bamberg. Da quella stazione sono partita decine di volte per tornare a casa o per girare la Baviera. Se acquisti la Bahncard avrai diritto a degli sconti per un anno intero su ogni tipo di treno. E con il Bayernticket potrai girare la regione in tutta tranquillità ad un prezzo stracciato.

IMMATRIKULATION

Una delle cose di cui gli studenti hanno più paura appena arrivati è: come diavolo mi iscrivo all’università straniera? È complicato? Dove devo andare? Cosa devo fare? Beh, devo dire che a Bamberg l’organizzazione è impeccabile e ti seguono passo dopo passo, sono pronti ad aiutarti in ogni evenienza ed iscriversi è stato un gioco da ragazzi.

JAHR

Io ho avuto la possibilità di rimanere in Germania per un anno, anche se la maggior parte delle mie amiche aveva una borsa di studio che copriva solo 6 mesi. Il consiglio che posso darvi è questo: sempre meglio vivere un anno all’estero perché è solamente dopo i primi 5 mesi che inizi a capire come muoverti, dove andare e ti senti davvero a casa.

KINO

Uno dei modi migliori per imparare una lingua è vedere film in lingua originale. Ai tempi di Netflix e dei film in streaming andare al cinema potrà sembrare obsoleto, ma a me piaceva molto andarci. Ci sono convenzioni per gli studenti, scopri film che magari non verranno mai trasmessi in Italia e, soprattutto, puoi andarci da solo senza che a nessuno freghi qualcosa. In Germania è normale andare anche al ristorante in solitaria, figurarsi al cinema.

LIVECLUB/LUDWIG

I due club dove si concentrava la maggior parte della vita notturna. Il primo era tappa fissa il lunedì sera con band live fino alle 22 per poi trasformarsi in pista da ballo. Il secondo durante la settimana era il luogo dove si svolgevano le serate Erasmus. Io, che in Italia non andavo mai a ballare, a Bamberg viaggiavo ad una media di una o due serate a settimana. Il motivo? Il basso costo (4€ di media), il fatto che ti facevano entrare anche in tuta e, soprattutto, la musica che offrivano era ballabile, niente a che vedere con la techno sparata a tutto volume. Al Ludwig mettevano minimo due volte a sera la canzone “Waiting for love” di Avicii, tanto da essere diventata la colonna sonora del mio Erasmus.

MONDSCHEIN

“Il pub degli Erasmus”, dove ogni giovedì sera si riunivano tutti. C’erano delle promozioni speciali per gli studenti che ti permettevano di bere birra a prezzi a dir poco stracciati e, ovviamente, la birra più piccola era quella da mezzo litro. Da non perdere il “Bierprobe”, un set di 5 birre locali disposte su un portabicchieri di legno davvero caratteristico: prima provavi quello, poi decidevi quale fosse la tua preferita. Da menzionare anche la serata karaoke che veniva organizzata di tanto in tanto, un vero spasso.

NEUE RESIDENZ

La Residenza Nuova era in origine il palazzo dove risiedevano i principi-vescovi della città. Situato di fronte al Duomo, è una struttura imponente e magnifica che ospita la Biblioteca di Stato e una pinacoteca.

OBERFRANKEN

Non definite mai gli abitanti di Bamberg come “bavaresi” se non volete avere guai! A parte gli scherzi, qui si sentono prima di tutto parte della Franconia, ma in particolar modo dell’Oberfranken, la parte più a nord, e tengono molto a questa distinzione, tanto che hanno anche una bandiera che lo testimonia.

PRÜFUNG

Gli esami si concentrano tutti nel giro di pochi giorni, se non puoi andare in quella data devi ritentare il semestre successivo. Ho sentito varie volte di persone che passavano gli esami senza studiare o col minimo sforzo perché erano Erasmus, ma in Germania ci hanno sempre trattati come dei normali studenti ed è giusto che sia così. Non mi hanno mai regalato nulla e la soddisfazione quando riesci ad ottenere un voto alto è ancor più grande.

QUARTER FINAL

Il 2 Luglio 2016 mi trovavo in un bar di Bamberg a vedere i quarti di finale degli Europei, Italia vs Germania. Io e una mia amica eravamo le uniche italiane di tutto il locale, non potevamo esultare e ad ogni rigore segnato dai tedeschi il tizio davanti a me sbatteva a terra una sedia e urlava come un assatanato. Momenti indimenticabili.

REFERAT

Molti esami consistevano nel preparare una tesina sull’argomento del corso, inviarla al professore entro una data stabilita e poi il voto veniva dato in base a quel lavoro. È stata una bella esperienza scrivere pagine e pagine su argomenti anche molto affascinanti, lo è stato un po’ meno quando dovevi scriverle in tedesco!

SCHLOSS SEEHOF

In realtà non si trova precisamente a Bamberg, ma nella vicina Memmelsdorf. Ci si arriva con i bus di linea o anche in bici. Era il luogo in cui mi rifugiavo quando avevo bisogno di riflettere e di stare da sola (d’inverno questo luogo è deserto). È stato costruito come residenza estiva del principe vescovo ed ospita un grande parco dove è possibile passeggiare per immergersi totalmente nella natura, o meglio “Into the wild”.

TANDEM-PROGRAMM

È un’opportunità che ti viene offerta dall’università e che, secondo me, vale la pena cogliere al volo. Se aderisci ti affidano uno studente o una studentessa di Bamberg che svolgerà il ruolo di Cicerone nelle prime settimane di ambientamento. Molto spesso sono nate delle splendide amicizie grazie al Tandem-Programm (e anche degli amori in alcuni casi).

UNTERE BRÜCKE

Il luogo di ritrovo dei giovani, specialmente durante la stagione primaverile ed estiva. Quando non sai cosa fare o dove andare bastano una birra, degli amici e l’Untere Brücke per svoltare una giornata.

VORBEREITUNGSKURS

Il corso preparatorio organizzato dall’Università che consiste in una full immersion di un mese per immetterti nel sistema universitario tedesco. Per me è stato decisivo: potevamo parlare solo in tedesco, sono migliorata tantissimo nella capacità di comprendere e parlare in lingua e lì ho conosciuto alcuni dei miei futuri migliori amici.

WOHNHEIM

La ricerca dell’alloggio è probabilmente l’aspetto più difficile da affrontare, specialmente se non conosci bene la lingua. Io ho deciso di affidarmi all’università e sono stata mandata in un loro alloggio chiamato “Pestheim” dagli studenti. Ci sono diversi alloggi universitari e la scelta è del tutto arbitraria. All’inizio ero spaventata dalla distanza dal centro (più di 2 km), poi mi sono resa conto che non potevano scegliere meglio. Pestheim si estende su 3 palazzine vicine l’una all’altra, con 348 appartamenti (quasi tutti monolocali) abitati da studenti di tutto il mondo. Non so spiegarlo a parole, devi vivere quell’atmosfera per capirlo davvero, ma se vivi a Pestalozzi è come se facessi parte di una grande famiglia e in quelle stanze ho trascorso alcune delle più belle serate della mia vita.

XMAS MARKET

La Germania sotto Natale si trasforma e in ogni piccolo paese trovate un Weihnachtsmarkt, ovvero un mercatino di Natale. Ne ho visitati tanti, ma niente e nessuno potrà battere la città di Rothenburg ob der Tauber, nella parte ovest della Baviera. Questo minuscolo villaggio medievale a Dicembre si trasforma letteralmente nel villaggio di Babbo Natale con tanto di nuseo dedicato: ne rimarrete affascinati, ve lo assicuro!

YOGA

In realtà non ho fatto yoga, ma c’era anche questo tra i vari corsi disponibili per gli studenti. Con soli 25€ a semestre potevi scegliere tra una marea di attività sportive. Io ho scelto un corso che in Italia non esiste, una via di mezzo tra step ed esercizi come addominali e flessioni: appena un’ora a settimana, ma devastante!

ZUFALL

“Mi raccomando, devi scegliere una città che abbia un’università attinente alla tua, non affidarti al caso”. Quante volte mi sono sentita dire queste parole prima di inviare la domanda per l’Erasmus! Delle tre opzioni che avevo inserito solo una l’avevo inserita a caso (Zufall, appunto), senza sapere neanche dove si trovasse…. Che dite, dove pensate mi abbiano presa???

P.s.: questa lista è riferita all’A.A. 2015/2016, può darsi che molte cose di cui parlo non esistano più o siano cambiate.