Il costo di apparire belle. La modella Nora Danish chiede incentivi allo stato.

Un aiutino a chi nasce brutto a questo punto non guasterebbe.

118

Non è economico essere attraenti e la celebrità malesiana Nora Danish vuole che il governo fornisca esenzioni fiscali sugli importi spesi per apparire bella in pubblico.

L’attrice e modella di 34 anni, dalla Malesia sottolinea a gran voce come le celebrità oggi spendano un sacco di soldi per mantenere un buon aspetto auspicando, quindi, che il dipartimento governativo responsabile delle politiche fiscali prenda in considerazione la sua proposta.

“Ritengo che sia nostra responsabilità pagare le tasse. Quello che spero è solamente avere un pò di esenzioni fiscali per le celebrità come me”, afferma la bella Nora.

“Attualmente” – prosegue la modella asiatica parlando ad un quotidiano locale – “stiamo pagando molto per il nostro aspetto fisico. Quindi, essendo queste spese parte della nostra carriera, forse possono essere considerate come il costo del nostro lavoro “.

Tali esenzioni, secondo Nora, alleggerirebbero gli oneri a carico delle celebrità. 

Questa situazione mi fa pensare a quando il nostro Emilio Fede affermava di non riuscire a vivere con soli 8.000 euro al mese. In un periodo in cui la maggior parte della popolazione mondiale si trova ad affrontare ristrettezze dovute alla crisi, fa veramente “ribrezzo” sentire stupidaggini del genere.

A seguito di questa proposta la modella ha ricevuto numerose critiche su Twitter. Ne riportiamo un paio:

“Seriamente Nora Danish! Questa è la dichiarazione più stupida che tu abbia mai fatto. Bella ma senza cervello. Torna a Scuola”, dichiara Cindy Albert.

nora-danish-twitter

“Le persone muoiono Nora Danish, ci sono problemi molto molto più importanti che dare esenzioni fiscali alle celebrità”, dichiara un altro follower di twitter incazzato nero.

A questo punto mi aspetterei ulteriori proposte fiscali del tipo:

  • incentivi alle ragazze brutte per farsi delle operazioni chirurgiche.
  • incentivi per la rottamazione delle celebrità invecchiate.

Ma dove stiamo andando? Che Amarezza.