M5S concede immunità a Salvini: le 22 volte che ha tradito i suoi elettori

A fornire un lungo elenco dei precedenti è stato proprio un ex: Federico Pizzarotti, sul proprio profilo Facebook

35

Immunità a Salvini? La Giunta per l’immunità del Senato ha votato “no” alla richiesta del Tribunale dei ministri di Catania di processare il ministro Matteo Salvini. Sedici i voti a favore della proposta di Maurizio Gasparri di dire no all’autorizzazione, sei i contrari. Dopo i lavori, fuori dall’Aula si scatena la bagarre.

Tra una ironia del web e l’altra – dovuta ai soliti problemi della piattaforma e al fatto che le risposte erano poste nel modo in cui Sì voleva dire No e viceversa – gli iscritti al Movimento cinque stelle avevano detto No all’autorizzazione a procedere nei confronti del leader leghista. Con un 59%. Certo, qualche dubbio sulla trasparenza del tutto sempre resta. Ma prendiamola per buona.

La vera accusa che viene mossa ai pentastellati, riguarda il fatto che abbiano concesso l’immunità parlamentare ad un Ministro del Governo. Proprio loro che si sono sempre espressi contro questo diritto di parlamentari ed esponenti del Governo.

Sebbene, personalmente sono d’accordo sul fatto che Salvini abbia agito secondo coscienza e secondo una decisione atta, nel suo ragionamento, a difendere i confini nazionali contro l’ennesimo sbarco di immigrati sulle nostre coste. Insomma, abbia preso una decisione politica che gli compete e in linea col suo ruolo. Assurda quindi è l’accusa di sequestro di persona rivoltagli.

Comunque, resta il fatto che il M5S ha cambiato ancora una volta idea su un proprio principio di base. E i casi cominciano a diventare troppi. Ecco un elenco.

Vuoi saperne di più sula immunità a Salvini?

CONTINUA A LEGGERE