Opposizione cresce in Russia alle elezioni regionali e comunali e Timati elimina il video record di dislike. Putin preoccupato

Il video che aveva avuto il record di dislike era stato molto criticato perché sembrava un chiaro tentativo di Putin per influenzare il voto.

20

L’opposizione cresce in Russia e Putin appare preoccupato. Chiamati alle urne circa 56 milioni di elettori. L’affluenza è stata molto bassa. A mosca solo il 21,64% dei diritti al voto si è recata alle urne, sintomo di una crisi di fiducia degli elettori. I cittadini erano chiamati a rinnovare i 45 seggi del Parlamento locale: la Duna Moscovita.

Ottimi risultati per l’Opposizione in Russia. In particolare per la Coalizione Democratica (Yabloko, Partito del Progresso e Russia del Futuro) guidata da Grigorij Javlinskij. Il partito si posizione al seconda posto. Dall’altro lato, invece, il partito di Dmitrii Medvedev (Presidente del Consiglio) a sostegno di Vladimir Putin vince ma con difficoltà perdendo circa un terzi dei seggi. Cade anche il Partito Libernazionalista di Zirinovskii (4° posto) mentre il Partito Comunista è stabile (3° posto).

In città come Habarovsk, Irkutsk e Ariol vince la Coalizione Democratica guidata principalmente da Alexey Navalnii, mentre in tutta la Russia si posiziona al secondo posto.

Dopo i risultati delle votazioni, il rapper pro governo Timati elimina la propria canzone “Mosca” (che ha fatto record del numero di dislike in 24 ore) da YouTube. Il rapper si è scusato tramite Instagram con la gente. Al momento dell’eliminazione il video aveva collezionato ben 1,5 milioni di dislike.

Avevamo parlato di questo video qualche giorno fa. Questa cancellazione fa riflettere e non capiamo come mai togliere da youtube un video che, seppure abbia un elevato numero di dislike, genera traffico e rappresenta una rappresentazione artistica dell’autore. Che sia una vera e propria censura da parte di Putin che in un primo tempo sperava di influenzare il voto con questa canzone?Opposizione in Russia

L’ingerenza della politica su internet e sui social non è una novità. Ci troviamo però per la prima volta di fronte ad un imbarazzante tentativo di utilizzare la musica per influenzare il voto dei cittadini chiamati alle urne. Una situazione alquanto imbarazzante.