Torino esoterica e magica

471

Quando l’oscurità ingoia Torino, emerge il lato misterioso della città: parliamo di una Torino esoterica e magica. Le piazze e i palazzi così opulenti e sontuosi sono, infatti, ombreggiati da toni malinconici. I dettagli che passano inosservati, di solito lavati alla luce del sole e mascherati dal rumore della vita di tutti i giorni, si materializzano in silenzio tra la pervasiva nebbia leggera e il bagliore dei cancelli e delle finestre illuminate.

Statue, fregi e bassorilievi assumono espressioni insoliti. Le decorazioni floreali che adornano le porte della città sono caricate di significati magici, e quelle che potrebbero sembrare semplici aperture nei marciapiedi portano effettivamente luce agli infernetti, delle cantine che spesso ospitavano, o ospitano, delle logge massoniche.

TORINO ESOTERICA E MAGICA: PERCHÉ?

Non chiamano Torino una città magica per niente. Torino insieme a Lione e Praga, fa parte del triangolo magico bianco, ma appartiene anche al triangolo della magia nera, un asse che condivide con Londra e San Francisco.

ANGELI E DEMONI IN PIAZZA STATUTO

Situata nella parte occidentale della città (dove tramonta il sole), Piazza Statuto emerge sopra una necropoli a cielo aperto in cui avvenne una battaglia e un terribile incendio. La piazza mostra un monumento dedicato a coloro che sono morti mentre costruivano il tunnel ferroviario di Fréjus, che collega la Francia all’Italia.

Nell’oscurità, il bellissimo angelo in alto, che rappresenta l’intelligenza umana che vince sulle forze della natura, in realtà assomiglia al diavolo che con un colpo di mano respinge gli umani che cercano di salire in cima. E’ uno dei luoghi più gettonati su Hotels.com per un albergo a Torino!

PIAZZA CASTELLO

Famosissima piazza torinese, dove le statue di Dioscuri custodiscono la Sindone di Torino, e rispondono al suo sguardo. I dioscuri a cavallo custodiscono i laboratori alchemici segreti che si credeva fossero nascosti dietro il maestoso ingresso di Palazzo Reale. All’interno di questi favolosi laboratori, si diceva che gli alchimisti avessero trasformato il metallo in oro.

GIARDINI DI PALAZZO REALE

Nel corso dei secoli, molti si sono avventurati nei giardini di Palazzo Reale per scoprire questi laboratori situati sotto la Fontana del Tritone. Tuttavia, hanno trovato solo magazzini e ghiacciaie. Si dice che il un fantasma gironzoli per la piazza vicino ai giardini nelle serate piovose, ricordando tutti gli amanti incompresi che ha “spinto” nel fiume Po.

PALAZZO TRUCCHI

Palazzo Trucchi a Levaldigi è stata la sede del costruttore di tarocchi della città. Forse è pura coincidenza, ma il tram che passa davanti al palazzo è il numero 15, il numero della carta del diavoli nel mazzo di tarocchi. Questo palazzo è una delle più rinomate e insolite mete di Torino!