Pasta di lenticchie Felicia Bio senza glutine, senza farine

Provate le lenticchie della linea Felicia Bio!

124

Le Lenticchie sono i semi di una pianta erbacea chiamata “Lens esculenta” che appartiene alla famiglia delle Leguminose e che attualmente viene coltivata in tutte le regioni a clima temperato.

Questa pianta ha origini molto antiche: nell’odierna Turchia, ne sono state rinvenute tracce che risalgono addirittura al VI millennio a. C., ed è inoltre noto che le Lenticchie costituissero uno degli alimenti più diffusi presso i ceti meno abbienti della civiltà greca e di quella romana. Dal punto di vista nutrizionale, l’elevato contenuto di proteine vegetali (il 25%) fa delle lenticchie un alimento che diversi dietologi suggeriscono di consumare, almeno in qualche occasione, anche in sostituzione della carne. Le lenticchie contengono poi molti carboidrati (il 53%), pochissimi grassi (attorno al 2%), tanta fibra, molte vitamine (A, B1, B2, C, PP) e buone quantità di sali minerali, quali calcio, potassio e ferro.

Sono considerate come i legumi dotati della più efficace azione antiossidante, anche grazie al buon contenuto di isoflavoni, che alcuni studi scientifici hanno stabilito essere preziosi alleati nella prevenzione di diverse forme di tumore.

L’alto contenuto di fibra solubile delle lenticchie è utile sia nel regolarizzare l’attività dell’intestino sia nel tenere sotto controllo i valori di colesterolo e di zuccheri nel sangue.

Dal momento che esse contengono pochi grassi di tipo insaturo, sono un alimento adatto anche nella prevenzione di alcune patologie cardiovascolari, come confermato da un recente studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition. Rallentando l’assorbimento dei carboidrati, le lenticchie risultano particolarmente indicate anche per i soggetti diabetici. Le lenticchie sono sconsigliate soltanto  per chi soffre di ulcera gastroduodenale, uricemia, colite e gotta.

Possono diventare una pasta biologica, senza glutine, dalla sola farina di loro stesse? Si! Gustosa, leggera, cotta in pochi minuti, per un totale di un paio di euro dallo scaffale del supermercato con la linea “FeliciaBio“.