Mamma mi prepari al volo un uovo vegano?

Una carbonara con l'uovo vegano? Io no grazie.

70

Mamma ho fame e devo andare a giocare a calcio mi prepari un uovo vegano che ho bisogno di energie?

Purtroppo non è uno scherzo. Dopo la storia del cibo che si può stampare arriva pure l’uovo vegano. Ovvero l’uovo non uovo.

I vegetariani, ma molto di più i vegani, fanno sentire la loro voce come fossero un partito politico. Si scagliano ad ogni piè sospinto sulle scelte di chi ritiene che l’alimentazione umana debba essere onnivora. Va benissimo ritenere che per scelte etiche e personali si scelga di non cibarsi della carne. Così come fanno i vegetariani che continuano ad alimentarsi dei prodotti degli animali: uova, latte, latticini. Vada pure bene che altri più estremisti, come i vegani, scelgano di tenere al bando oltre la carne anche uova e tutto ciò che viene prodotto dagli animali. Ok ci sto ma purché sia una scelta loro e non imposta a tutto il genere umano, additando coloro che vegani non sono come assassini e insensibili di fronte ai guasti del pianeta.

Ma da dove arriva sta storia dell’uovo vegano?

In Italia secondo i dati Eurispes i vegetariani non raggiungono neanche il 5% della popolazione, mentre i vegani sono appena il 3%. Eppure quando parlano i vegani sembra lo facciano a nome di tutti gli abitanti della terra. Mi sembra di rivedere la storia dei gilet jaunes parigini. Sono 3 mila e pare che siano 3 milioni. Il fenomeno è talmente in voga al punto che, un’Università friulana avrebbe brevettato un intruglio tutto vegetale dalla sembianze di un uovo e dalle proprietà organolettiche simile all’uovo. Questo lo dicono ovviamente loro.

Lo definiscono, infatti, uovo vegano, come se si trattasse di una sottospecie di prodotto che in natura esiste già.

Anche il fatto di definire uovo un alimento che uovo non è la dice lunga sulla supponenza di chi vuole a tutti i costi farci passare per barbari. Hanno loro in tasca la soluzione per farci alimentare con un uovo anche se questo non è prodotto da una gallina. Ma l’uovo è uovo, il prodotto che la gallina riesce a deporre è un miracolo della natura. Tutto quello che l’uomo cerca di fare incrociando diverse sostanze vegetali, magari potrà appagarlo da un punto di vista estetico, magari potrà tranquillizzarlo sapendo che non deprederà il pianeta dalle uova, ma siamo di fronte soltanto ad uno scimmiottare ciò che la natura ci offre.

Anche un abile pittore potrà ritrarre un uovo con le sue stesse sembianze, con le stesse sfumature di giallo, con le stesse nuance di bianco, ma una rappresentazione di un uovo resta. Alla stregua di come solo in apparenza è uovo, l’uovo vegano.

Saremo presto costretti a vedere nei ristoranti la pasta alla carbonara fatta con l’uovo vegano?

Continua a leggere…