Un pò di cattiveria fa vivere meglio.

Solo l'aggressività blocca l'aggressività altrui...

202
cattiveria fa vivere meglio
Crudelia De Mon, la “cattiva” de La Carica dei 101.

Basta con il buonismo a ogni costo: un moderato e controllato cinismo fa paura,ma in realtà rende più felici e permette di raggiungere i propri obiettivi. D’altra parte l’uomo non si sarebbe evoluto se non fosse stato un pò perfido.

YouTube ci permette di condividere video e raccimolare migliaia di visualizzazioni in tutto il mondo aumentando la notorietà, ma sollevando anche polemiche. Protagonista in questi giorni, uno spot particolare che sta facendo il giro della web city.

Andiamo in Belgio. In un supermercato un giovane papà è in compagnia del suo bambino. Il piccolo vuole a tutti i costi un sacchetto di caramelle che il padre si rifiuta di comprare. Il bimbo inizia così a fare capricci: urla e si getta per terra. Sotto gli occhi sconcertati e rassegnati del padre compare allora la scritta << Usate i preservativi>>. E’ quanto si vede nello spot di Zazoo Condoms, una marca belga di profilattici. Provocatoria sì, ma a tutti strappa un sorriso cinico. Probabilmenti anche a chi ha deciso di censurare lo spot, tra i più cliccati di YouTube, vietandone la messa in onda.

tumblr_maxgvtPytj1qcpkfeo1_500
Meryl Streep in “Il Diavolo veste Prada”.

FA BENE ALLA SALUTE.

“Le persone che si dicono incapaci di esprimere pulsioni aggressive sono anche più infelici”. Da uno studio emerge infatti che chi si definisce molto felice si dice anche più aggressivo della media. Non solo: secondo gli psicologi, quando ci sentiamo stressati non c’è niente di meglio che compiere qualche piccola cattiva azione per sentirsi subito meglio.

Lo dimostra una ricerca australiana che, analizzando 1045 persone, ha dimostrato che compiendo atti al limite della legalità il 59% dei soggetti ha dimostrato una riduzione dello stress mentre il 57% si diceva più felice.

Oggi siamo sepolti da tonnellate di buonismo e altruismo dalla società e facciamo fatica ad accettare di essere un intreccio di bene e male. Il buonismo non porta a nulla, se non a mantenere una situazione di stallo. Cosa dobbiamo fare? Mettere un freno alla disponibilità nei confronti degli altri. Perchè l’aggressività e la cattiveria, seppur controllate, sono indispensabili per porre dei limiti: “Solo l’aggressività blocca l’aggressività altrui” è quello che dicono gli psicologi. Persino i comportamenti infantili sono tipicamente egoisti.

Insomma, cinismo e cattiveria sono sentimenti ambigui: sono criticati, ma affascinano. Fanno paura, ma producono segrete soddisfazioni. Sentimenti contrastanti che, per salvaguardare l’equilibrio psichico,non andrebbero mai ignorati, ma piuttosto trasformati in risorse positive.

Un pizzico di cattiveria non guasta, che dite?

2 COMMENTS