La società del pensiero unico

Oggi è vietato il solo criticare il prodotto pubblicitario del momento che ti becchi dell'invidioso.

58

Nella nuova società che si va creando, cioè la società del pensiero unico che altri stanno costruendo per noi, indipendentemente dal fatto che siamo d’accordo o meno, sembra un reato il solo criticare qualunque persona appaia sui mass-media, specie se incapace e falsa.

Ormai rischi come minimo una querela se solo accenni al fatto che qualcuno “è stato messo sul palco”, laddove una volta si chiamavano raccomandati o almeno si poteva dire che quello ha avuto la spintarella giusta, le conoscenze giuste per emergere velocemente. Oggi è vietato il solo criticare il prodotto pubblicitario del momento che ti becchi dell’invidioso. A volte ho fatto notare con dovizia di prove che venivo copiata da gente che si arricchiva con i frutti del mio lavoro, dal Pd, dove sono stata dieci anni, alla letteratura, al mondo dello spettacolo. Essendo un’indipendente posto molto, forse troppo sul web e così spesso sono finita copiata, mentre altri si arricchivano e ricevevano premi alle mie spalle.

Ma guai a criticarli, rischi di venire sbranato sui social in cinque minuti. Ricevi calunnie e insulti e tu sì che non ti puoi difendere, non avendo i soldi per pagarti un avvocato.

Oltre il danno la beffa. Ma c’è anche di peggio! Nella società del pensiero unico, dove pochi colossi internazionali controllano buona parte del mercato editoriale e in Italia sfornano soltanto cloni di altri personaggi più o meno famosi all’estero, ormai si è giunti all’apoteosi dell’omologazione sociale, in quanto ti è vietato persino di dire: quello non mi piace, quello per me non sa cantare, non sa recitare, quella è scarsa. Nemmeno il giudizio di gusto ti è più consentito. Kant si sta rivoltando nella tomba da tempo, e se questo sistema truccato, che regala followers e soldi a palate ad alcuni stra-pubblicizzati, mentre umilia con bricioline e risatine dietro tanti altri, finalmente si ribaltasse da sé e ritornasse di moda il buon vecchio libero arbitrio?

Mi illudo forse, ma almeno quello non costa niente.

A volte il tempo fa un po’ di giustizia, condannando all’oblio certe meteore miracolate senza senso. Magari un giorno ritornerà di moda il curriculum vitae e la gente veramente brava.


La società del pensiero unico – Articolo di Monica Ravalico