L’inquietudine della stabilità

161

L’amore può essere assimilato ad un quadro: con il passare del tempo perde brillantezza, i colori appaiono spenti dominati da tonalità scure, senza alcuna vividezza.

Si rimane pigramente a guardare senza far nulla, augurandosi che un giorno tutto torni come prima. Piano piano ci si stanca di aspettare, si smette di osservare in quella direzione e lo sguardo si rivolge altrove. Accade poi che l’amore agisca da solo e si prenda lo spazio che merita: capita che accadano cose, quelle stesse cose che cambiano il corso degli eventi mutando radicalmente la storia. Così si può solo scegliere: ricordarsi della bellezza di quel quadro e agire per farlo tornare allo splendore di un tempo oppure adeguarsi alla nuova realtà. L’amore chiama ad una scelta ogni singolo giorno.

La protagonista Alice dopo anni di difficili rapporti con l’amore incontra Enrico, l’uomo che ha guarito le sue ferite e con il quale scopre la sua dimensione migliore: si sente amata, completa e apprezzata.

La vita scorre e con tutte le sue dinamiche mette a dura prova la fedeltà di Alice che cova dentro di sè il malessere della quotidianità resa più complessa da un affievolirsi dei colori dell’amore. Il desiderio di sentirsi amata e voluta vengono risvegliati da una presenza che riappare improvvisamente e che rimetterà tutto in discussione concedendo ad Alice una nuova possibilità di conoscere e sperimentare il vero amore.

 

Disponibile in cartaceo ed ebook sul sito IL MIO LIBRO

http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/247232/linquietudine-della-stabilit/