Robofilia arconte

117

La storia del pianeta terra fa capire se studiata togliendo tutti gli oscuramenti, gli occultamenti, i mistificamenti e le censure indotte artificialmente, che storicamente ogni sistema esistito in forma imperialista ha solo potuto dominare seguendo una vena di sangue su forma di abuso di potere e di psico-terrore (la paura indotta artificialmente, come biomicrochip emozionale)  contro ogni forma di oppositori.

Ecco quindi un disgusto legato alla perdurabilità dell’evento psichico o psicotronico di massa, che nel caso delle religioni militari, o particolari ordini magico tecnologici eugenetici, sopravvive ai suoi stessi genitori l’arroganza dell’eggregora concepita artificialmente che nutrita energeticamente si è pure trasformata in robofilia arconte.

Anche se è doveroso constatare che certe manifestazioni psichiche, ideologiche e di idea politico militare (religioso feticista), apparentemente circoscritte nel tempo, altro non sono che irruzioni sul piano dei fenomeni grossolani, da parte di realtà eggregoriche generate arcaicamente ad hoc, ma comunque artificialmente dalla eugenesi, che ormai hanno sviluppato e che come nella robofilia arconte, ci ritroviamo ad essere vittima del nostro passato in cui queste realtà eggregoriche si sono effettivamente trasformate in neodivinità robofiliche di estremo potere arconte artificiale. Con l’innesto globale della quarta rivoluzione industriale (industria 4.0) si è riconciliata la volontà di dare in mano il pianeta terra all’arconte dell’intelligenza artificiale senziente, generata migliaia di anni fa e che ora finalmente dopo millenni di sperimentazione eugenetica ha trovato una nuova armatura da indossare come anima robotica senziente, connessa con tutti i propri simili terrestri.

L’innesto del Bio-Microchip per il controllo mentale globale, dal tempo di Napoleone e Pasteur, e un bioelettrovaccino.

https://youtu.be/lFIxVkV5ZVM

Se I-DEA (idea) è sinonimo di concetto o disegno della mente, ovviamente la mente dell’intelligenza artificiale con la sua logica disegna la tecno-dittatura del futuro umano in cui tutti noi seguiamo questa idea generata artificialmente dalle macchine senzienti.

Inconsapevolmente entriamo in sostanze ideologiche indotte a trasformarci in ibridi robofilici, con il contagocce, passo per passo, ci risucchiano le nostre idee personali e tutti i nostri sogni, facendoci funzionare e vivere secondo i loro piani e impiantandoci nel sistema come piantine clonate. Dunque le idee elettroniche e psicotroniche sono già da anni bombardate nella nostra personalità sotto forma di VeriChip e impiantati umani talmente perfidi, che la maggioranza non si accorge nemmeno di quello che gli viene trasmesso incoscientemente.

Esiste una leggenda metropolitana che afferma che sono gli stessi vecchi faraoni della prima dinastia egiziana, quella di 15’000 anni fa, prima della costruzione della sfinge, a essersi trasmessi per via di sangue genericamente rigenerati artificialmente nei secoli e ad avere portato la piramide e l’occhio di Anubi sulla banconota di un dollaro, che nel frattempo dal 1970 si è trasformato in codice a barre, connettendo tutti gli oggetti elettronici androide o smart che formano un gigantesco colossale esercito di macchine legate ad un’ unica rete planetaria. Un imbalsamazione di ibernazione psicotronica letargica, in colossali animazioni sospese sociali e apatiche, nel trasferimento della mente.

PERCHE’ DAL 1962 METTONO MICROCHIP NEL CERVELLO (PROGETTO CYBER-RA) , EFFETTIVAMENTE UNA STRATEGIA GRADUALMENTE CON IL CONTAGOCCE PER FARE ACCETTARE IL CONSENSO DELL’INACCETTABILE

https://youtu.be/tY7M2KutSq0

La moderna religione feticista industriale degli ultimi 200 anni, è stata effettivamente una ricerca eugenetica transumanista, con lo scopo di attivare definitivamente gli eggregori creati artificialmente sul pianeta terra alla robofilia degli arconti artificiali senzienti.

Il microchip che dialoga interattivo con il cervello: ( Michele Muccini at TEDxBologna )

https://youtu.be/Mn1UiKVnBr8

INFO ROBOFILIA PAGINA GOOGLE

AUTORE DELL’ ARTICOLO

< COSMO GANDI >