Come far piovere per ridurre inquinamento e siccità

59

Alla domanda come far piovere tutti penserete sicuramente alla danza della pioggia e scommetto state cominciando a ridere. In realtà, per quanto noi crediamo fermamente che la danza della pioggia funzioni :), vorremmo parlare di un’altro metodo per far piovere: ovvero l’aeronautica.

L’argomento torna in auge in questi giorni sullo sfondo della notizie che arrivano da qualche tempo dalla lontana Thailandia.

Parliamo del livello di inquinamento elevatissimo di cui è vittima la capitale, Bangkok. Sono diverse settimane, infatti, che le centraline per il monitoraggio dell’inquinamento registrano livelli elevatissimi e ben di sopra ai limiti accettabili. L’area metropolitana di Bangkok registra la presenza di ben 14,5 milioni di abitanti. Il numero di automobili registrate nella sola capitale è di 37 milioni. Un numero impressionante. Il Dipartimento per il controllo dell’inquinamento indica che il responsabile principale dell’altra concentrazione di polveri sottili siano l’elevata presenza di motori diesel.

come far piovere
Bangkok road crews spray water in hopes to control heavy smog in Bangkok, Thailand, Monday, Jan. 14, 2019. Unusually high levels of smog worsened by weather patterns are raising alarm across Asia. (AP Photo/Sakchai Lalit)

Nonostante la città abbia distribuito 10.000 mascherine per protezione e abbia provveduto a spruzzare acqua per far depositare le polveri sottili, la situazione non è migliorata. L’unico modo per ridurre questa elevata concentrazione di polveri pericolose è la pioggia.

Come far piovere?

Dato che le autorità thailandesi non credono nella danza della pioggia si sono rimboccati le maniche e hanno provato a fari piovere. Volete sapere come ci sono riusciti?

La città ha messo in atto una operazione drastica per migliorare la situazione: seminare nuvole per indurre la pioggia. Parliamo di un paese che ospita il Dipartimento della Royal Rainmaking and Agricultural Aviation, quindi forse non dovrebbe essere così sorprendente. Il dipartimento ha quindi provveduto ad inviare aerei per seminare nuvole con una miscela di sostanze chimiche che dovrebbero farle piovere.

Volevate sapere come far piovere? Ecco in Thailandia non solo ne sono capaci ma hanno pure un ministero dedicato a questo. Sono proprio avanti.

Il Dipartimento del Royal Rainmaking and Agricultural Aviation (DRRAA) è l’organizzazione leader mondiale delle modifiche meteorologiche secondo la tecnica sviluppata dal Sua Maestà il Re, recentemente scomparso, Bhumibol Adulyadej.

Qual’è la missione di questo dipartimento?

1. Gestire l’acqua nell’atmosfera per produrre una quantità appropriata e la distribuzione delle precipitazioni per lo sviluppo integrato sull’agricoltura, la gestione delle risorse idriche, la conservazione e la riabilitazione delle foreste e la riduzione dei disastri naturali.

2. Ricerca e sviluppo di tecnologie per la produzione di acqua piovana per migliorare l’efficienza delle modifiche meteorologiche e la gestione delle acque meteoriche per la riduzione dei disastri come risultato della divergenza meteorologica e dei cambiamenti climatici.

3. Amministrazione dell’aviazione per la produzione di acqua piovana, la ricerca e lo sviluppo e le attività agricole.

Quindi se qualcuno si chiede come far piovere e vuole saperne di più non dovrebbe far altro che contattare gli esperti di questo dipartimento che si fonda sulla Royal rainmaking technology.

In realtà la possibilità di indurre la pioggia tramite l’aviazione non è completamente una novità.

Come riporta il sito fromtheskies.it, in un articolo chiamato “Gli aerei fanno piovere”, sembrerebbe che gli aerei passando tra le nuvole creano dei buchi costringendo l’aria circostante ad espandersi rapidamente e raffreddarsi. Il risultato è che le gocce d’acqua  si trasformano in ghiaccio per poi cadere sotto forma di neve, lasciando spesso una strana apertura tra le nuvole. Certamente non si creano temporali pazzeschi in questo modo ma un pò d’acqua crediamo venga giu.

La cosa triste è che per far piovere si inquina ancora di più. Non credo che l’utilizzo dell’aviazione sia un modo ottimale per risolvere il problema della siccità e dell’inquinamento 🙂

Non ci resta che provare con la più classica, economica e salutare danza della pioggia quindi.