Rifiuti

68
rifiuti

Lattina di coca cola

accartocciata sul divano

lo vedi che non esisto?

 

Torsolo di mela

cingomma appiccicata al sedile dell’autobus

scritta vecchia sullo schienale

bottiglia di birra con l’etichetta rossa

lo vedete che non esisto?

 

Banconota delle vecchie lire

centesimi di euro

fotografie ammuffite

mutande appiccicose dell’adolescenza

vedete che non ho preso coscienza

degli anni passati a rincorrere

i sogni

la scienza

sandali di stoffa

infradito vecchie

torsoli di pera dentro al piatto

piatto sporco nel lavandino

me la date un po’ di speranza?

Disegni, scarabocchi, vecchie poesie

amici dell’adolescenza

finiti in psichiatria

tossicomani degli anni novanta

aspiranti suicidi

me la data un po’ di speranza?

Mi è rimasto il vizio di svegliarmi presto

la mattina

e quello di lavorare tutto il giorno

Mi è rimasto il vizio di lavarmi i denti

due volte al giorno e non tre,

come fanno da queste parti,

o quattro o cinque o sei

E il vizio di usare uno spray per la gola

Sigarette ammonticchiate nel posacenere

ce la fate a iniettare un po’ di vita

dentro a queste vene?

Sostanze stupefacenti

ce la fate a ridurre al silenzio

il nuvolo dei detrattori?

Mi è rimasto il vizio

di baciare i volti delle sconosciute

quando ci incrociamo

tizzone di legna

che illumini il camino

ce la fai a ridurli tutti in cenere?

Scatoletta di tonno

delizioso dentro l’insalata

Michetta vecchia

pane tostato

grissino arrotolato

frantumato

triturato

ce la fai a calmare il cuore

di un cane appena nato

e confuso, deluso

dall’eccesso di nozioni

che il mondo, creato da Dio,

gli impone

come parte dello script

come parte del copione?

Non ce la fai. Per questo ti buttiamo via.

Perché non ce la fai.

Matteo Gennari, da https://matteogennari.wordpress.com/2017/05/11/rifiuti/