Anche Annalisa Copiz in esposizione al GallinaRock 2018

457

Continua il nostro viaggio all’interno dell’area che per tre giorni ha colorato il contest musicale del GallinaRock. In un gazebo nell’area nord abbiamo trovato Annalisa Copiz, artista dalla formazione e dal curriculum interessante. Lei dice « sono un’autodidatta con la passione per la pittura ».

« Tra folgori e bagliori
ho inciso t’amo
sulle pieghe infinite di rami contorti. »

La Copiz Annalisa oltre a dipingere, scrive poesie, ha partecipato a diversi concorsi letterari. Docente di materie letterarie, una counselor strategico relazionale, un’etno antropologa culturale di storia e tradizioni locali. Sempre più variegato il mondo degli artisti che per tre giorni ha animato il parco di Gallinaro. Lei organizza laboratori di pittura e di scrittura per bambini. Partecipa alle estemporanee, alle notti bianche della cultura. Ogni tanto intreccia la sua mano su una tela con altri artisti. La Copiz viaggia negli appuntamenti artistici con un figlio, che respirando quell’aria ha deciso di iscriversi al liceo artistico: il Bragaglia di Frosinone.

Annalisa Copiz è cresciuta in un ambiente familiare stimolante.

Infatti il padre Giorgio, studioso e autore di diverse pubblicazioni, ha dato vita ad un mega museo di tradizioni popolari. Un patrimonio immenso quello raccolto dal padre, che meriterebbe una degna collocazione. Il padre, infatti, da sempre si è circondato di artisti, pittori,scultori, poeti e l’Annalisa, sin da bambina, ha respirato quel humus culturale. Proprio dal puzzle di quell’aria è venuta fuori la sua passione e la sua ricerca artistica. Ogni suo lavoro meriterebbe un racconto. Io sono rimasta affascinata dai volti delle sue donne, che con gli occhi sembrano narrarti le loro storie. Una treccia sembra collegare i vissuti delle donne, che sembrano dialogare tra di loro. Intriganti i versi della poetessa, che trasudano a volte di un romanticismo moderno Poesie e tele sono rassicuranti, anche lei ti appare rassicurante nel suo look.

Ordinata mentre lavora, poggia con cura pennelli come fossero i suoi figli. Il suo laboratorio artistico trasuda di ordine.

Il GallinaRock ha creato un ponte di comunicazione tra artisti con stili e formazioni eterogenee, un abbattimento di muri, creando un dialogo artistico unico.