Breve ballata d’una bambola.

68
breve ballata

Danz’allegra, infinita, sembrò,

piroette ed abbracci, però

 

com’una bambola sua ‘l fanciullo,

anche tu m’amasti d’amor nullo:

 

per capriccio premevi ‘l bottone,

gioios’urlavo “Ti voglio bene!”,

 

t’ubbidivo, docil com’un cane,

per poche, dolci, carezz’umane,

 

ma la stoffa ormai avevo lisa

la pelle dal cuore già divisa:

 

sbattuta al suol, finita la festa,

s’è staccata dal corpo la testa.

 

– Camilla Frattolillo