Mamma li turchi (pasquinata)

Una poesia in dialetto romano sul tema dell'immigrazione

93

 

È ‘na cosa che se dicea ‘na vorta tanto tempo fa.

Er surtano a li giudichi dice che stanno a sbajà

e che er fijo in Italia a studià a da tornà.

Semo proprio ridotti male se ar maomettano

permettemo de criticàcce a casa nostra.

Io je vojo di ‘na cosa si li giudichi l’hanno indagato

quar’cosa er regal rampolo ha combinato.

Er surtano se svejato

e cor ricatto a noi l’urtimatum a dato

a li sudditi sua dovemo aprì le frontiere

altrimenti li barconi de migranti arriveno a schiere.

È si perché mo ce staranno puro li dissidenti turchi

a fa aumentà li sbarchi.

Nu basteno quelli che c’annamo a pià ‘n mezzo ar mare

che a guardà li video che se fanno quanno vedeno ‘na nave

co li serfi co la “V” de vittoria nella mano ben arzata

a dicce “Ao semo arivati, semo li mejo”.

Se credeno che tutto je dovuto

e se je dicemo quar cosa che nu je sta bene,

st’ommini che so l’urtimo anello de congiunzione

tra li primati e l’omo, che mancava, co tanta superba presunzione

quanno ‘n poro ferroviere je chiede er bigljetto

lo massacreno de botte, anche si è piccolo e magretto.

Regà sapete di chi è la corpa de tutto questo

de li bonisti che c’avemo a capo, e che detesto.

Ora dentro casa c’avemo pure quella che se crede Madre Teresa

quella però era ‘na Santa donna

che ‘nvece de stassene dentro ar convento a dì er rosario

s’è rimboccata le maniche e è partita senza gnente

pe’ aiutà li poveracci all’artro capo der monno.

Pe’ n’inciucio la signora s’è seduta su ‘no scranno

e da maomettana se vestita pur di non contradirli,

e li crocifissi da le scole vole toje pe’ nu non offendeli.

Tradizioni antiche vo leva

e alle radici nostre n’antro vorto je vo’ da.

Je piace lo stile de vita de li migranti

dice che ce porteno cultura

e saranno la faccia de l’Italia futura.

Lei va cantando che li dovemo accoje

perché scappeno da la guera

ma si te fai du carcoli so più omini quelli che ariveno

quar’cosa nu torna loro scappeno

e lasceno moje e fiji sotto a ‘n treno.

È ‘nutile rimuginà su ste cose

tanto se nu se svejamo

l’Italia nostra a puttane v’iè mannata

e fra qua’ anno a Roma se parlerà solo er nigeriano.

Li poveri italiani so diventato ‘n peso pe lo stato

e stanno aspettà solo che se moreno

e così ce potranno dì che c’aveveno ragione loro

che sti migranti so ‘na risorsa

e che l’Italia e ‘na nazione ormai trascorza.

Tutto questo ce dovemo ritrovà

pe’ una che je piace er maometano

e pe corpa ‘n bambino un po’ cretino

che quanno l’Europa je dice zitto e bono

trova ‘ncatuccio pe annasse a nasconnà

‘ndo le ferite de l’orgoglio se pò leccà.