Massimo Troisi tifava per la Roma. La rivelazione choc

21

Massimo Troisi tifava per la Roma? Nonostante siano passati anni dalla sua scomparsa, Massimo fa ancora parlare di se. Indubbiamente, è stata l’ultima grande maschera partenopea. Scomparsa prematuramente nel 1994 per un problema cardiaco che lo accompagnava dalla pubertà. Riuscì a completare Il postino, dove appare visibilmente provato dalla malattia. Non a caso, le scene sulla bici sono girate con una controfigura.

A Massimo Troisi si sono ispirati tanti attori e registi successivi. Su tutti, Vincenzo Salemme e Alessandro Siani, senza però riuscire a prendere il suo posto. Troisi era altro, volava alto. Ha inscenato un prototipo di napoletano diverso. Lontano dal solito canovaccio del Pulcinella, tutto pizza e mandolini. Il napoletano da lui rispecchiato era disilluso, introverso, timido, riservato.

Splendidi i suoi primi tre film, poi qualche calo nei successivi.

Malgrado non manchino spunti geniali. Divertenti gli sketch con La Smorfia, un trio di comici che compose insieme a Massimo Decaro e Lello Arena. I quali non ebbero la sua stessa fortuna. Malgrado abbiano comunque continuato a lavorare. Il secondo anche in alcuni suoi film.

Molto divertente la scena che lo vede nel letto con Giuliana De Sio, in Ricomincio da tre. Quando la seconda cercava un po’ di attenzioni e coccole, ma lui si lasciava distrarre dalla partita del Napoli contro il Cesena. Coi partenopei che perdevano in casa dei romagnoli.

Eppure, la rivelazione di un suo amico e collega è alquanto spiazzante. Dato che dipingerebbe Troisi tifosissimo della Roma.

E’ vero che Massimo Troisi tifava per la Roma?

Certo che per i napoletani sarebbe una bella botta anche se, siamo sicuri, direbbero meglio romanista che juventino…

CONTINUA A LEGGERE