Oggetti di plastica vietati che non possiamo usare più

200

Oggetti di plastica vietati. Sembra uno di quei messaggi scritti nei vagoni dei treni o all’ingresso dei luoghi pubblici. Di che si tratta? Il 2019 è appena iniziato e non mancano i buoni propositi. Come ogni anno. Non possono mancare quelli relativi al rispetto dell’ambiente, visto che la Natura, tra disastri vari, ci fa sentire tutto il suo dissenso per come la trattiamo.

Oggetti di plastica vietati? Perché?

Tsunami e uragani si stanno sempre più diffondendo anche in quelle zone dove prima non c’erano. Pure in Italia (ecco le regioni a rischio tsunami e le regioni a rischio uragani). I potenti della Terra hanno stretto diversi accordi, ma sembrano sempre la solita aspirina per un moribondo. Mentre Donald Trump ha deciso pure di portare gli Usa fuori da essi, rispolverando fonti energetiche ormai demodè ed inquinanti come il carbone.

L’Italia a livello ambientale non sta messa proprio bene. E anche noi siamo costretti ad affrontare i problemi legati al riciclo tra cui quelli degli oggetti di plastica. Tra fabbriche monstre altamente inquinanti, ecomostri e inquinamento provocato dalle automobili. Anche se le città si stanno sempre più impegnando a diventare “smart” (in primis la capitale morale italiana, ossia Milano).

Volenti o nolenti, tra multe e divieti, dobbiamo tutti fare la nostra parte. Come noto, un materiale altamente inquinante per la sua lentissima degradabilità è la plastica. E anche noi italiani a partire da questo anno dovremo fare a meno di alcuni materiali che fanno parte del nostro quotidiano.

Plastic is fantastic. Ho sentito molto utilizzare questi “motti” utilizzati dalle lobbies per dimostrare come la plastica in realtà non sia pericolosa per l’ambiente. Senza entrare troppo nei dettagli pare che l’Unione Europea non sia per niente d’accordo. Lo si evince dalle normative stringenti sul tema che stanno per entrare in vigore.

Ci riusciremo a fare questi sforzi per aiutare l’ambiente? Ecco quali sono gli oggetti di plastica vietati.

CONTINUA A LEGGERE