5 curiosità sui denti … Domande e risposte

Questo e altro su DentiBlog

96

I denti della balena

La dentatura delle balene non è costituita da veri e propri denti ma bensì da lamine denominate fanoni.

I fanoni sono composti principalmente da due sostanze: la cheratina, che li rende elastici, e in quantità inferiore da idrossiapatite.

Tali lamine, fissate alla mascella superiore e con una lunghezza che varia da 0,5 a 3,5 metri, vengono utilizzate come filtro per far fuoriuscire l’acqua dalla bocca trattenendo al suo interno il cibo.

Apparecchio fisso conviene?

Non sono poche le persone che non appena sentono dall’ortodontista di aver bisogno di un apparecchio fisso vengono assalite da dubbi e ansie; ma la maggior parte di queste paure nascono da ansie ingiustificate.

È vero che l’apparecchio fisso può causare piccole lesione, vesciche e irritare le mucose della bocca ma sono tutti problemi risolvibili; mentre è da tenere in considerazione i grandi risultati a cui può portare dato che a differenza di quello mobile, l’apparecchio fisso, viene tenuto dal paziente per tutto il trattamento e per tale ragione è uno dei trattamenti ortodontici più efficace.

Cosa sono le neoplasie

Con il termine neoplasia o tumore si vuole indicare la formazione di un tessuto in eccesso che cresce in modo disordinato e che non risponde ai meccanismi fisiologici di controllo cellulare.

La formazione di neoplasie è riconducibile a modificazioni del DNA che incidono sulla disseminazione di tale processo dalla sede in cui si è sviluppato agli altri organi del corpo.

Le neoplasie possono essere distinte in due tipi: benigne e maligne.

Le neoplasie benigne crescono lentamente e rispettano la morfologia del tessuto d’origine mentre quelle di origine maligna crescono rapidamente, sono invasive e non rispettano la morfologia del tessuto d’origine.

Idrocolloidi: cosa sono?

Tale termine indica un particolare tipo di medicazione che contiene agenti gelificanti in un composto costituito da uno strato adesivo resistente all’acqua.

Le medicazioni idrocolloidali sono di tipo occlusivo, per tale ragione garantiscono un ambiente di guarigione umido e isolato.

Tra i vantaggi troviamo l’impermeabilità ai batteri, l’autoaderenza e la facile applicazione.

Tra gli svantaggi invece viene riconosciuto che tale medicazione non è ideale per ferite con essudato pesante, può arricciarsi ai bordi con rischio di decubito, può causare macerazione perilesionale.

Prosegui la lettura su DentiBlog…