Attesa snervante … un genitore in sala d’attesa

Mi innervosiscono e certo non contribuiscono alla calma psicologica di un genitore che trepidante si interroga mentalmente: ma l'avrò lasciata in buone mani?

32

Una attesa snervante. Ore 14.30: gocce per rilassare e conciliare il sonno.

Queste funzionano, ecco, LEI dorme sul lettino antistante la sala “macchine”.

Ore 15.20: comincia l’esame (chiamiamolo così), nella stanza attigua affianco al lettino, assisto ad una fastidiosa discussione tra “esperti” su come procedere.

Ma che dicono?

Non capisco i termini tecnici ma, capisco che non sono perfettamente in linea su come procedere.

Mi innervosiscono e certo non contribuiscono alla calma psicologica di un genitore che trepidante si interroga mentalmente: ma l’avrò lasciata in buone mani?

Non sono tutti concordi sui “lavori”.

Ma se questo è il top della nostra sanità, il resto in quale classifica lo posiziono?

Questi episodi mi scombussolano e mi fanno molto riflettere su come noi “non addetti ai lavori” siamo solo dei “poveri” spettatori e loro sono nella stanza dei bottoni.

Ma se questa è una partita importante, i giocatori sul campo devono contribuire a dare il meglio in questo momento o no? Voglio rispondermi positivamente….

In questa sala d’attesa, scruto i volti delle persone che siedono vicini a me, altra piccola discussione di altri “addetti ai lavori” negli anditi, un tipo mette il freno ad una signora in carrozzina e va via scocciato….ma non è seccato con la signora…ma con i colleghi.

Nessuno proferisce verbo ma è eloquente la tensione che ogni persona si porta addosso in sala attesa.

Certe scene potrebbero risparmiarsele…siamo nel posto n.1 nazionale per certe patologie!

Persone che vanno e vengono, persone che non conosci ma che in questi delicati momenti della tua vita attraversano i “corridoi” lunghi e dolorosi del tuo vissuto, lasceranno un’impronta delle sensazioni che ti hanno lasciato.

Loro non sanno chi sei ma tu, ricorderai sempre i loro volti e i loro discorsi che a te appaiono incomprensibili.

E’ un’ attesa snervante e ti domandi se tutto questo servirà a qualcosa…

..ma sì penso proprio che sarà utile alla nostra causa e conoscendomi …al primo impulso che qualcosa proprio non và, penso che avrei già mollato tutto e sarei scappata via.

ASPETTIAMO, anche se l’attesa è qualcosa di logorante, i minuti sembrano ore e quando questo sarà terminato, ci saranno sempre i tempi d’attesa dei responsi, che spero ci aprano le porte alla risoluzione di questa “maledizione” che non dà tregua al suo cervello e non dà il giusto riposo a questa ragazza, che da troppo tempo convive con questa “cosa”.