Bolsonaro vince elezioni in Brasile, buona notizia per Italia

68

Bolsonaro vince elezioni in Brasile. Le elezioni presidenziali in Brasile, la quarta democrazia più grande del mondo, sono state vince al ballottaggio dal candidato di estrema destra Jair Bolsonaro, che ha ottenuto il 55,5% dei consensi contro il 44,5% ottenuto da Fernando Haddad, erede politico di Lula da Silva. Bolsonaro, ex ufficiale dei parà, è stato indicato in campagna elettorale come “minaccia fascista” alla democrazia brasiliana.

Malgrado la rimonta registrata negli ultimi giorni da Haddad, i risultati del ballottaggio hanno confermato le previsioni dei sondaggi. Gli statistici davano, infatti, Bolsonaro come favorito anche prima del primo turno delle presidenziali il 7 ottobre. La vittoria di Bolsonaro rappresenta una frattura storica per il Brasile, dopo una fase di quattro governi consecutivi del Pt, chiusasi nell’agosto del 2016 con l’impeachment di Dilma Rousseff, e il breve intermezzo dell’amministrazione di Michel Temer, che arriva alla fine del suo mandato battendo tutti i record storici di impopolarità.

Il risultato del voto in Brasile segna anche una nuova sconfitta per i partiti e i leader protagonisti della cosiddetta “marea rosa” progressista che investì l’America Latina all’inizio del XXI secolo, dopo le vittorie elettorali del centrodestra in Argentina, Cile, Perù e Colombia e le derive autoritarie in Venezuela e Nicaragua.

Di Bolsonaro si dice che sarà una minaccia per la salvaguardia della foresta amazzonica e degli Indios. E viene visto come un leader autoritario. Checché se ne dica, però, la vittoria di Bolsonaro rappresenta una buona notizia per il nostro Paese.

Bolsonaro vince elezioni in Brasile. Perché è una buona nuova per l’Italia?

CONTINUA A LEGGERE