Cosa resta

Dal libro di poesie d'amore "Le Donne".

36

Io non volevo mai dormire
Per quella voglia d’infinito
Che mi prendeva nelle sere
Senza più andarsene

Io sopportavo la bellezza
Di rovesciare i miei pensieri
E mi dicevo senza incertezza
Tutto è possibile

Io non vivevo nel presente
Vagabondavo nel futuro
Tutto quel vuoto dentro la mente
Ero una nuvola

Io non pensavo alla lunghezza
Dei passi lungo la mia strada
E liberavo quella incertezza
Dalla mia anima

E adesso cosa resta
Delle fortune antiche
Granelli di una vita
Che non conosco più

E dimmi cosa resta
Della perseveranza
Di un tempo che cresceva
E che non cresce più

LE DONNE, 2016. Su Amazon.
Carlo Rocchi

Tutti i diritti riservati @