Cosa significa Spada di Damocle. Dal mito al proverbio

46

Cosa significa Spada di Damocle? E’ una espressione che si sente nominare spesso e che ritroviamo frequentemente anche nella letteratura e nel giornalismo, così come nell’arte e nel mondo del cinema.

Ma viene sempre utilizzata con il corretto significato? E, soprattutto, voi sapreste dire cosa significa e quale storia ha dato origine a questo “modo di dire”? Sapreste dire chi è questo Damocle? In tanti risponderebbero che si tratta del proprietario della spada… e invece no. Ci siete cascati.

Damocle è il protagonista di un racconto che ha origine nella cultura greca classica dell’autore Timeo di Tauromenio. Ci troviamo all’incirca 300 anni prima di Cristo e parliamo dell’Opera “Storia di Sicilia”. La leggenda fu poi ripresa anche da Cicerone nelle “Tusculanae disputationes” che rese celebre il detto “Spada di Damocle”.

Qual è la leggenda che ha reso celebre il detto “Spada di Damocle”?

Damocle è un principe membro della corte di Dionigi, tiranno di Siracusa. Era conosciuto come un ottimo adulatore e non perdeva mai l’occasione di mettere in luce quanto il tiranno fosse felice, fortunato ed invidiabile. Fino a quando il tiranno stesso ebbe l’idea di proporre a Dionigi di prendere temporaneamente il suo posto. Voleva, infatti, che il giovane principe potesse verificare con la propria esperienza, se quanto sostenuto fosse vero. Damocle fu invitato a prendere il posto del tiranno sul tavolo del banchetto fu pieno di felicità. Ottimo cibo e una corte di servi e bellissimi ragazzi a sua disposizione.

Solo in un secondo momento, quasi a fine serata, il giovane principe si accorge che sulla sua testa pendeva una spada in un equilibrio talmente precario che avrebbe potuto ucciderlo in ogni momento.

Veniamo al dunque: cosa significa spada di Damocle?

Come avrete intuito il modo di dire identifica l’imminenza di un pericolo incombente ovvero una minaccia concreta che può avverarsi in qualsiasi momento indefinito. Normalmente viene associata a qualcuno a cui è stata affidata una carica di responsabilità. Sentirete quindi dire: “questo ruolo che ti hanno associato è una spada di Damocle…”

Adesso che sapete tutto su Damocle potrete riflettere prima di utilizzare questo modo di dire e verificare se i vostri interlocutori ne fanno un utilizzo appropriato o meno.

A molti di voi sarà capitato, tra l’altro, di dover tradurre la versione di Cicerone in latino. Vi è piaciuta o si è trattato del classico incubo dei liceali?

Fateci anche sapere se avete esempi recenti di persone o libri di testo in cui questo detto è stato utilizzato. Siamo curiosi. Scrivete nella parte dedicata ai commenti.

Chi di voi vorrebbe essere nella posizione di Dionigi? Siete amanti del rischio o preferite avere un ruolo con meno responsabilità?