Cosa sono gli integratori alimentari ed a cosa servono

La carenza di alcuni elementi possono essere causa di piccoli e grandi problemi come allergie, caduta dei capelli, anemia, stanchezza generale, colesterolo e quant’altro.

40

Cosa sono gli integratori alimentari, che funzioni hanno, come li regola la normativa europea, dove si trovano, consigli e precauzioni.

Cosa sono gli integratori alimentari e loro funzioni

Un’alimentazione equilibrata è sicuramente il modo migliore per il nostro organismo per acquisire la quantità necessaria di nutrienti essenziali. Tuttavia, in particolari momenti della vita (malattie, stress, cambiamenti climatici, maggiore concentrazione, attività sportiva intensa, ma anche gravidanza, allattamento, vecchiaia), può essere necessario associare alla propria dieta alcuni integratori alimentari.

In queste circostanze, quando il nostro organismo è messo a dura prova e quando il sistema immunitario ha necessità di essere sostenuto, dosi maggiori, per esempio, di vitamine e sali minerali possono essere molto importanti.
C’è anche da considerare che l’alimentazione moderna, a causa dei continui processi di raffinazione e dei metodi di conservazione dei cibi, è sempre più povera di micronutrienti necessari per mantenersi in buona salute.

La carenza di questi elementi possono essere causa di piccoli e grandi problemi come allergie, caduta dei capelli, anemia, stanchezza generale, colesterolo e quant’altro.
Gli integratori sono, dunque, prodotti capaci di integrare la carenza od aumentare la disponibilità di nutrienti essenziali. Essi svolgono la funzione di riequilibrare l’organismo, fornendo un patrimonio di princìpi attivi utili al miglioramento del nostro benessere mentale e fisico.

Integratori alimentari e normativa europea

Una Direttiva europea del 2002, resa operativa in Italia con un decreto legislativo del 2004, definisce, tra l’altro, gli integratori come “prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive”.
Non sono, quindi, medicine o sostanze curative, ma prodotti utili ad integrare (non sostituire) una dieta normale in caso di reale necessità.
Prima che un integratore alimentare venga immesso in commercio, dovrà essere notificato al Ministero della Salute che ne determina la regolarità. Superata la verifica, il prodotto verrà inserito nel “Registro degli integratori alimentari” che è disponibile per chi vuole consultarlo.

Niente più esitazioni dunque. Ora, infatti, sapete tutto sugli integratori alimentari. Fatene buon uso.