Don’t close mountain

Gli enormi pini non li usavo come riparo, sarei stato sepolto dalle foglie taglienti sotti i vestiti al mattino.

40

Le tue roccia donate non le usavo per accendere il fuoco, ti avrei fatto del male.

La tua aria controvetrata su di me la interpretavo come un tuo abbraccio.

Gli enormi pini non li usavo come riparo, sarei stato sepolto dalle foglie taglienti sotti i vestiti al mattino.

Alla vetta infine, non ho messo nessuna bandiera.

Ho preferito congelarmi insieme al paesaggio.

Così non sarei mai stato dimenticato dalla tua natura.

Non chiuderti montagna.

 

Don’t close mountain – Poesia di Vivienne Garda