Er cane disse ar porco

Il cane si confida con il saggio porco.

118
cane disse ar porco

Caro porco, io c’ho sempre avuto er culto dell’onore

ma mò me sento proprio cojonato;

la padrona m’ha spaccato in testa ‘sto tortore

p’ave’ fatto quello che m’ha sempre comannato.

 

M’hanno sempre detto de nun fa’ entra’ nessuno,

de protegge la famija da qualsiasi sconosciuto;

è stata sempre ‘na questione de principio, sarvognuno,

che ne sapevo io che er padrone era cornuto!

 

Caro cane, te potevi fa’ li cazzi tua, altro che onore!

Se la padrona se lo voleva porta’ a letto,

ar massimo je potevi fa’ pija’ un ber coccolone,

invece de sbranaje ‘na chiappa a quer poretto.

 

Fa’ come me, io me butto solo ndo’ se magna,

nun guardo mica se la mano è der padrone

nun me faccio pija’ da scrupoli o da tigna,

basta che ce rimedio un ber pappone.

 

Co’ l’onore in vita mia nun c’ho mai magnato

e nun ce magnerai manco tu, senti sta dritta;

e poi cor principio, dimme, che c’hai guadagnato

la panza è vota – cojone – e c’hai la testa rotta!

7 COMMENTS