Dialoghi al femminile: incontro con Raffaella Manca

Donne uniche che sembrano guardarti, urlare in silenzio il male di vivere. Ma anche donne pacificate ...

213

La cornice dell’incontro con l’artista Raffaella Manca questa volta è un agriturismo a Paliano. Una cornice particolare dove incontrarla, tra prodotti della natura e vino, in una domenica di sole e un bagno in piscina vestiti: il mondo degli artisti.

La Manca è una pittrice sarda, con l’isola nel cuore, vive a Colleferro. Un po’di gossip: si racconta che il marito Giorgio nella terrazza di una casa, che narra in ogni dettaglio il loro amore, volesse realizzare una piscina con il mare della Sardegna. La Manca è un’artista, che parla poco, lascia che a parlare siano le sue tele. Nei momenti di public relation una voce le viene in soccorso: il marito Giorgio. Mi sono innamorata dell’esplosione delle sue donne dal primo momento, in una collettiva a via Margutta. Impossibile localizzare il luogo, il paesaggio nelle tele, il protagonista è il corpo. Donna, artemorrogica, un’esplosione colorata, tragica, comica, donne dalle tette generose, erotiche ma anche rassicuranti. Nelle tette è rinchiusa una chiave di lettura dell’universo femminile contemporaneo.

Volti a volte deformati, maschere che indossiamo, colori caldi, colori violenti. Ogni tela meriterebbe un racconto.

Ogni tela è un viaggio. Il Laboratorio artistico è una stanza della casa a Colleferro, ma anche la terrazza. Donne uniche che sembrano guardarti, urlare in silenzio il male di vivere. Ma anche donne pacificate. Un intreccio di corpi, lui e lei, speranze di dialogo, corpi che sembrano interrogarsi sulla possibilità di essere compagni di viaggio. Sulle tele della Manca viaggia il poliedrico universo femminile. Anche i pesci hanno un ruolo in alcune tele, animali marini nascono dagli alberi, sono appesi come il bucato. Donne vistose a volte occhi lividi, la denuncia della guerra tra i sessi…La sua arte approda prima nei centri sociali, poi entra nella cornice di contesti canonici come via Margutta, la villa comunale di Frosinone.

Un’artista impegnata, che presta voce con i colori alle donne. Entrare nel mondo di Raffaella Manca è un’emozione.

Lei è minuta e rassicurante crea donne conflittuali, figure che sembrano essere sempre in fuga alla ricerca di qualcosa. La Manca è una grande lettrice e allora fermati ad osservare: potresti intravedere le parole della Deledda e della Murgia. In fondo a casa della Manca c’è anche un tazebao, un collage di bigliettini, una comunicazione poetica tra lei e Giorgio. Arrivare a casa loro è un atto coraggioso, tante scale, ma proprio tante tanto che perdi il conto. Con il cuore in gola senti vibrare la passione dell’artista, mentre ti smarrisci tra i colori, tra i fornelli della cucina trovi lui, Giorgio, che non si scompone neanche se all’improvviso deve aggiungere 5 posti in più.