La morte

129

Qualcuno ci attende,

qualcuno vuole il nostro spettro

che verrà risucchiato più in là.

Non un grido, non un pianto

ci salveranno.

La morte per alcuni è una fobia,

per altri è una destinazione

da raggiungere celermente.

La nostra casa futura

sarà eterna e occulta,

ma la nostra anima

non si sa se vivrà

in questa ignobile dimora.

Questo pensiero fenomenale

diviene sempre più criptico.

La nostra casa di legno

per alcuni sarà sommersa dalla terra

e per altri dal lusso,

ma alla fine ci toccherà vivere.

Che tu sia stato un eroe,

un personaggio famoso

o un contadino,

non ha importanza,

la morte vuole solo la nostra morte.

Ma lei non mi impedirà di vivere

come desidero,

non mi impedirà di realizzare le mie utopie.

Dopo la morte ci reincarneremo,

oppure dormiremo in eterno,

però, attualmente dobbiamo

magnificare la nostra vita.