Le gioiellerie di frutta e verdura. Mela o diamante?

La strage dei braccianti in Puglia deve farci riflettere.

162

Le gioiellerie di frutta e verdura sono purtroppo una costante del nostro presente. Le botteghe di ortofrutta, infatti, sono diventate delle vere e proprie gioiellerie. Frutta e verdura esposte, infatti, sono ormai come dei diamanti. Le desideriamo senza difetti e a lunga conservazione, così da soddisfare ogni nostro desiderio. Ma dietro a tutto questo c’è un drammatico sfruttamento, la filiera produttiva è sbilanciata in maniera pesante verso il venditore mentre chi fa il vero lavoro…

Vuoi saperne di più? Le gioiellerie di frutta e verdura ci fanno pensare alla strage recente dei braccianti in Puglia…

16 uomini sono morti in una tragedia causata dallo sfruttamento del lavoro. Troppo spesso, infatti, i datori di lavoro approfittano della debolezza di questi poveri braccianti spesso fuggiti dai loro paesi d’origine.

Quando poi vediamo i prezzi delle bancarelle ci chiediamo ma come sono giustificati queste tariffe così elevate? Una mela oggi è quasi un gioiello prezioso. La cosa imbarazzante è che facendo una passeggiata tra gli scaffali dei centri commerciali costa di meno spesso la frutta che arriva al di là dei confini: Marocco, Spagna, Nord Africa, ma anche Sud America e Asia… Cioè gli africani scappano dai loro paesi, vengono qui per lavorare in condizioni di sfruttamento ed il risultato che la frutta che arriva dall’Africa nonostante i presunti costi di trasporto più elevato, costano di meno rispetto ai prodotti cresciuti dietro casa nostra?

Ecco perché parliamo di gioiellerie di frutta e verdura?

Ci dicono che dobbiamo guardare le origini dei prodotti e fare attenzione alle etichette ma chi ci garantisce che non veniamo presi per il culo? Siamo forse tutti costretti a comprarci un pezzettino di terra e ritornare a coltivare i nostri ortaggi per essere sicuri di non sentire più parlare ne di sfruttamento ne di abuso sui prezzi?

continua a leggere