Oligominerale

70

Oligominerale

Ci sono giorni in cui non credi, altri in cui fai finta.
Esistono giorni in cui ti sembrerà surreale,
allora penserai se ciò che sta accadendo, possa essere possibile?!
Oggi è un altro giorno, un giorno senza tempo, un giorno disorientato,
un giorno diverso dagli altri: un giorno verde come i parchi di Avezzano del resto.
Verde come le foglie in pieno maggio.
Giallo proprio come i girasoli in un campo con tutte le sue tonalità
i germogli, cespugli, cactus.
Un giorno di primavera in un’arrida giornata di agosto,
una nuova amicizia in un periodo frastornato.

Un po’ di ansia, allegria e voglia…

Voglia di conoscere Avezzano,
voglia di vagare tra dialoghi a cuore aperto
e voglia di ammirare anche un semplice cespuglio.
Dicono che le cose belle si nascondono dietro la semplicità,
dietro quella semplicità genuina si cela un sorriso.
Un sorriso timido ma efficace.
Pensate: in un sorriso si investono dodici muscoli, per accoglierlo invece, bastano
Due secondi e un brivido che corre lungo la schiena.
Un giorno ti chiederanno dal nulla di esprimere la tua preferenza
botanica, da lì risponderai spiegandone il perché.
Da lì a poco qualche psicopatica ti chiederà quale fiore sei da lì a
poco risponderai di essere una foglia, incredula non riuscirà a coglierne il senso proprio.
Per Bacco!

Affondata!
Le foglie quanto semplici tanto essenziali, svariati pigmenti di verde in un unico colore,
Mille venature, infinite forme.
Da lì ti accorgerai che in un mondo di colori predominanti raramente c è chi ne coglie le sfumature,
Il senso e le emozioni.
Inizierò a osservati come un dipinto, proprio come si osserva la notte stellata di Van Gogh.
Avezzano è stata unica, commovente, sensibile, magica quasi come Roma.
Un tiro al bersaglio che ha fatto quasi centro.

Match-point! La pronuncia lascia a desiderare.

Ti chiederanno quale sarà il tuo fiore preferito,
Risponderai il girasole “perché hanno una tonalità di colore meravigliosa”
Ti chiederanno quale fiore sei, risponderai “sono una foglia“
“Amo la natura, gli alberi, le piante, i cespugli.
anche se la maggior parte mi mettono allergia.”
Chiameremo allergia ogni reattività, acquisita dal organismo
verso un allergene che lo abbia sensibilizzato in precedenza.
Chiameremo antistaminico ogni motivo che ci spingerà ad andare oltre ogni
reattivitá, abbattendo l’allergene e rafforzando ciò che lo aveva sensibilizzato.
Amabile e frastornante.

Semplicemente oligominerale.