La poesia del Carnevale

56
poesia del Carnevale

Ma che bella giornata,

il celo è azzurro e brilla il sole,

così perfetta per festeggiare il Carnevale.

E’ la festa più attesa da tutti i bambini.

L’aria è tutta profumata dall’odore,

delle zeppole e delle castagnole.

Piazza è uno spettacolo

così piena di mascherine,

con i vestiti, uno più bello di quell’altro,

e con la fantasia fanno rivivere

tanti personaggi di ieri e di oggi.

Quanta felicità si legge nel volto dei bambini

che si rincorrono e gridano festosi,

lanciando in aria coriandoli e stelle filanti,

per far ricadere sopra di loro

come una pioggia colorata.

Ogni bambino è orgoglioso di avere quel vestito

dove impersona l’idolo dei sogni,

si sente importante, è lui, l’eroe della festa.

Quello che ti fa divertire di più ,sono i più piccini,

le mamme si sono divertite a mascherare,

ma, loro sono così piccoli,

che ancora stanno seduti sui passeggini,

e si guardano attorno curiosi

senza capire che cosa gli succede.

La gente che gli passa vicino

li guarda incantati

e non può far meno di esclamare:

“Come sono carini!”

Il divertimento in questo giorno speciale,

per i bambini resterà per sempre

il più bel ricordo del Carnevale

La poesia del Carnevale – Di Maria Pia Marchetti