Tormentone Estate 2018. Chi ha vinto a sorpresa sugli altri?

Di seguito la classifica di gradimento dei tormentoni estate 2018. Non manca la sorpresa al primo posto.

47

Quale è stato secondo voi il tormentone Estate 2018? La bella stagione ci ha appena lasciati. Una estate strana dal punto di vista meteorologico, con un buon luglio, un pazzarello agosto (le previsioni ci hanno azzeccato) e un settembre caldo e soleggiato. Come ogni estate che si rispetti, anche quella 2018 è stata ricca di tormentoni. Come vengono definiti quei brani che ci bombardano da metà giugno ad inizio settembre per radio, nei centri commerciali, sulle spiagge, in televisione, su internet.

Ogni anno ne sono diversi, sebbene poi siano quei 2 o 3 a giocarsi realmente il primato. Anzi, spesso è capitato che ci fosse il tormentone re dell’estate in modo palese. Che vincesse sugli altri. I tormentoni estate 2018 sono stati però davvero tanti, e molti se la sono giocata alla pari. Abbiamo avuto Baby K – Da zero a cento, Takagi & Ketra (feat. Giusy Ferreri e Sean Kingstone) – Amore a Capoeira, Benji e Fede – Moscow Mule, Alvaro Soler – La Cintura, Calvin Harris – One Kiss (with Dua Lipa), Boomdabash feat Loredana Berté – Non Ti Dico No, TheGiornalisti – Felicità puttana, Michele Bravi Gué Pequeno e Elodie – Nero Bali, Italiana di J Ax e Fedez, Fabio Rovazzi – Faccio quello che voglio.

Giusto per citare i più popolari. Ma chi ha vinto il premio Tormentone Estate 2018? Di seguito la classifica di gradimento dei tormentoni estate 2018. Non manca la sorpresa al primo posto.

Io mi sono dilettato a creare un sondaggio online per avere una opionione diversa da quella scritta dai rotocalchi musicali. I partecipanti al sondaggio sono stati 70, non molti ma riescono comunque a dare una idea abbastanza rappresentativa delle preferenze musicali.

Chi ha vinto? Il tormentone estate 2018 é in effetti un testa a testa tra BabyK e Giusy Ferreri con il 20% dei voti.

Vuoi saperne di più sui risultati di questo sondaggio volto a scegliere il tormentone estate 2018?

CONTINUA A LEGGERE