Alla fine

77

Alla fine


“Sono sgonfio, sono tanto sgonfio e non credo avrò la forza per riprendermi!

Mi sento flaccido, molliccio ed arrivato a questo punto credo che per me sia finita, davvero finita … Ricordo gli schiamazzi di una festa quella di qualche sera fa; c’erano molte persone a quella festa e facevano baldoria, si divertivano, scherzavano, bevevano, ballavano a ritmo sfrenato e trangugiavano di tutto … Ma a me faceva male tutto in effetti avrei dovuto capirlo proprio quella sera che non stavo affatto bene! Ho partecipato a tante feste forse troppe ma non mi sono mai lamentato anzi mi divertivo a vedere tutta quella baldoria, tutti quei festeggiamenti: compleanni, anniversari, onomastici, lauree, matrimoni, battesimi e credo che la lista potrebbe continuare … Adesso però mi sono veramente stancato e vorrei, vorrei fare qualcosa di diverso di più utile e di meno impegnativo di più rilassante ma non ho più le forze e sento che mi sto sgonfiando sempre più …

Il problema è che sono talmente stanco che non riesco neanche a pensare!

Dovrei riuscire a concentrarmi di più su quello che desidero davvero e penso proprio che una buona boccata d’aria rinfrescante mi farebbe tanto bene! Se solo qualcuno aprisse quella dannata finestra, io non riesco a muovermi e … Caspita arriva un bel venticello fresco! Finalmente riesco a respirare e non mi sento più tanto stanco forse è arrivato il momento giusto per cambiare vita e perciò invece di dedicare tutte le mie energie alle feste assordanti degli ultimi tempi potrei dedicarmi al volo! Certo il volo è stato da sempre la mia passione più nascosta, quel leggero librarsi nell’aria ed esplorare mondi sconosciuti all’insegna dell’avventura e del pericolo! Già, proprio quella sarebbe la vita giusta per me: sempre libero e felice in cerca di nuovi luoghi da visitare e chissà in uno dei miei viaggi potrei anche incontrare la mia dolce metà ….

Un momento ma cos’è questo strano rumore?

Sembra proprio … oh no! Mio Dio, si salvi chi può! C’è un aspirapolvere nei paraggi che appare moto minaccioso e poi ma che cosa succede? Lasciatemi, ma dove mi portate? Aiuto! Qualcuno mi aiuti!” Qualche ora più tardi nel cassonetto dietro il vicolo del ristorante dove la sera prima si erano svolti gli sfarzosi festeggiamenti di un matrimonio il nostro amico giaceva inerme. Un bambino passando assieme a sua madre di là fu attirato da qualcosa di colorato che spuntava fuori dal cassonetto. Lasciata la mano della donna il piccolo si precipitò a vedere di cosa si trattava; la mamma preoccupata lo raggiunse e strattonandolo via disse: “Lascia perdere, è soltanto un palloncino sgonfio …”


Alla fine