Cioccolato: origini, informazioni, curiosità, proprietà e tipologie

95

Il cioccolato è un alimento che, oltre ad essere straordinariamente gustoso, possiede delle proprietà che lo rendono benefico e salutare.

La traduzione del suo nome scientifico Theobroma, cioè “cibo degli dei” (nome dato nel 1753 dal botanico e naturalista svedese, Carl von Linné) è il modo migliore per definirlo. In effetti, il cioccolato è davvero una prelibatezza.

Brevi cenni storici

Sembra che i primi a coltivare il cacao, la pianta da cui deriva il cioccolato, siano stati i Maya, che usavano i semi macinati mescolandoli a farina di mais e a diverse spezie come vaniglia e peperoncino. Il tutto veniva poi sciolto in acqua fredda o calda. La cioccolata preparata era amara e veniva consumata solo da nobili e sacerdoti in occasione di feste o riti sacri.

Questa bevanda pare che avesse poteri afrodisiaci. Si racconta che l’imperatore azteco Montezuma ne consumasse ogni giorno 50 tazze per accontentare gioiosamente le donne del suo harem. I semi venivano usati persino come moneta, a dimostrazione della loro preziosità.

Cristoforo Colombo, nel 1502, fu il primo europeo a scoprire il cacao, ricevendo in dono i semi nel corso di un suo viaggio in Honduras. Solo nel 1528, per merito del condottiero spagnolo Hernán Cortés, i semi di cacao arrivarono in Europa. L’Italia cominciò a produrla nel 1606, a Venezia e Firenze.

La pianta del cacao che da origine al cioccolato

E’ un albero sempreverde, con un’altezza che va di 5 ai 10 metri, originario dell’America tropicale. Oggi è ampiamente coltivato in Africa, da dove proviene ormai metà della produzione mondiale di cacao. La Costa d’Avorio è il Paese di gran lunga più produttivo, seguito dal Ghana. Apprezzati sono anche il cacao del Messico, dei paesi tropicali del Sudamerica e di quelli asiatici (Indonesia e Sri Lanka). In Europa non è coltivabile a causa del clima.

I frutti, o baccelli, sono di forma ovale lunghi fino a 25 cm e contengono ciascuno dai 25 ai 40 semi (detti anche fave), che sono simili alle mandorle (grani di cacao). Sono proprio i semi che vengono poi commercializzati ed utilizzati per la produzione del cioccolato. Una buona pianta produce anche 2000 baccelli ogni anno, con una fornitura di 1-2 kilogrammi di semi secchi.

CONTINUA A LEGGERE…

1 COMMENT