Cosa vedere ad Anzio. Dove nacquero 2 imperatori romani

152

Cosa vedere ad Anzio? Viaggiare in Italia è bellissimo. Ci sono numerosi posti pieni di bellezze e di misteri. Non è un caso se la nostra penisola è chiamata il Bel Paese.

Un comune italiano di 54.428 abitanti nella provincia di Roma, nella regione Lazio. Il centro della città si sviluppa sull’omonimo promontorio, proteso sul Tirreno e fa parte del Parco nazionale del Circeo. Anzio l’ho visitata nel pomeriggio di un ferragosto. Carino il centro, piacevole il lungomare. Ma la cosa che mi ha colpito di più è stato il numero ampio di parcheggi disponibili prima di arrivare al centro.

Nell’antichità Antium (le attuali Anzio e Nettuno) fu per un lungo periodo capitale della popolazione dei Volsci, finché non venne assorbita nello stato romano. Frequenti furono i combattimenti tra i Volsci e i Romani, soprattutto nel V secolo a.C., quando essa ne era la capitale.

Nel 484 a.C., nel territorio prospiciente la città, i Volsci sconfissero duramente in battaglia l’esercito romano, condotto da Lucio Emilio Mamercino, costringendolo ad una vergognosa fuga nottetempo.

Anzio è conosciuta internazionalmente per essere stata teatro di una delle più celebri azioni della seconda guerra mondiale, lo sbarco che da lei prende il nome. Il giorno 22 gennaio 1944 gli eserciti alleati iniziarono a sbarcare su un’ampia fascia costiera. Per quello che sarà uno sbarco decisivo.

Cosa vedere ad Anzio? Ecco una lista delle cose principali:

  • La Chiesa di Sant’Antonio
  • La Basilica di Santa Teresa del Bambino Gesù, elevata da papa Giovanni XXIII alla dignità di basilica minore
  • Villa Adele
  • La Villa Albani
  • Villa Sarsina
  • Cimitero inglese
  • Paradiso sul mare
  • Liceo Chris Cappell College
  • Villa di Nerone
  • Teatro romano di Anzio
  • Riserva naturale regionale Tor Caldara

Chiaramente Anzio è famosa per le sue spiagge e per la vicinanza delle celbri Sabaudia, Circeo, Sperlonga, Gaeta. Insomma il litorale laziale vi darà tante sorprese e soprattutto tantissime prelibatezze della gastornomia italiana.

CONTINUA A LEGGERE