Donald Trump, l’uomo che spaventa il mondo. Perchè?

Cosa c'è dietro al successo di Trump? E perché ci fa paura?

144

Imprenditore, personaggio televisivo, una campagna elettorale aggressiva, circondato da polemiche e scandali sia professionali che sentimentali. Nelle ultime ore dopo le snervanti elezioni USA, non si fà che parlare di lui. Donald Trump, è dunque il cambiamento che volevano sei americani su dieci per essere eletto come Presidente dell’America.

I commenti sui social sono stati molti e le polemiche continuano, per molti non si prospetta un futuro roseo per l’ America , ma nemmeno per l’ Europa. Ma Perchè?

Vi elencherò alcune delle sue salienti proposte elettorali che stanno facendo discutere il mondo intero.

TRATTATI COMMERCIALI.

Parliamo di libero scambio nordamericano con Messico e Canada, e il definitivo ritiro degli Stati Uniti dall’intesa con i paesi del Pacifico e dai negoziati con l’ Unione europea. Trump ha esplicitamente discriminato i messicani definendoli “stupratori” e “criminali”, l’argomento xenofobo secondo il quale i messicani rubano il lavoro agli americani e attraversano la frontiera per delinquere. Trump ha sostenuto di voler costruire il cosiddetto “muro” per impedire ai messicani di entrare negli Stati Uniti.

Ma che reazione susciterà nei messicani, una decisione così “violenta”?

IMMIGRAZIONE E VISTI DI LAVORO.

Il neopresidente ha promesso di espellere oltre 2 milioni di migranti criminali e annullare i visti di Paesi stranieri che non li raccoglieranno, chiuderà le frontiere , e proposto di vietare l’ingresso ai musulmani. Le misure fanno parte del <<contratto rivoluzionario>> che dice di aver stipulato con gli elettori. Una misura drastica per una società multietnica americana.

LOTTA ALLA CORRUZIONE E OCCUPAZIONE.

Vuole limitare il numero dei mandati di deputati e senatori al Congresso, congelare le assunzioni dei funzionari federali e vietare ai dipendenti della Casa Bianca di diventare dei lobbisti. Trump promette di creare 25milioni di posti di lavoro in dieci anni, tramite sostanziali tagli ad imprese e classi medie.

OBAMACARE.

Vuole abolire in tempi più brevi e rapidi possibili l’Obamacare, ossia la legge su una minima assicurazione sanitaria obbligatoria universale, che porta il nome del presidente uscente. Ancora non ci è chiaro il futuro della sanità con Trump alla guida del paese, in quanto non ha pronunciato nessuna riforma sostitutiva all’ Obamacare.

POLITICA ESTERA.

“America First”, l’America prima di tutto, una frase egoistica se pensiamo alle sue proposte. E’ il motto di Trump in questa campagna elettorale. Nessun aiuto umanitario e nessun interesse per i disordini in Medio Oriente e sopratutto minaccia di una disgregazione dall’ UE. Bisognerà vedere anche come e chi approfitterà del suo apparente disinteresse per il resto del mondo.

Quali saranno le prime ripercussioni sociali dell’elezione di The Donald? Dopo le sue frasi offensive verso tutte quelle minoranze etniche, come reagiranno tutti coloro che si sono sentiti offesi? Quale sarà il futuro dell’ America e degli altri Paesi?

Per alcuni è solo l’inizio della fine. Per altri un cambiamento che andava fatto. Non ci resta che aspettare e vedere il The Donald all’opera.