Un giorno passeggiando

nella natura dei boschi,

notai una lunga callaia

e curiosamente

mi avvicinai ed entrai.

Le siepi così fulgide e alte,

mi fecero spiare

su in cielo,

un qualcosa di ammirabile,

era una nuvola

a forma di cuore.

Rimasi talmente fatato,

che la contemplai

per molto tempo.

Abbassai per un istante

lo sguardo benevolo,

poi lo rialzai nuovamente,

per riguardare, solo

che la via era cessata,

e sentii soltanto le grida

della natura uccisa,

trasformata in nuvole di fumo

dalle centrali nucleari.