Firenze Libro Aperto. Seconda edizione dal 28 al 30 Settembre

53

Dal 28 al 30 settembre 2018 presso la Fortezza da Basso a Firenze si svolgerà la seconda edizione di Firenze Libro Aperto. Torna, quindi, la convention letteraria che nella sua prima edizione ha ospitato 200 espositori, 30 mila visitatori e scrittori di calibro nazionale e internazionale. Di sera inoltre ha ospitato musica e concerti.

Le novità nella seconda edizione di Firenze Libro Aperto.

Quest’anno tra gli autori ci saranno Stefano Benni, Diego Da Silva, Anna Premoli, Paolo Crepet, Leo Ortolani, Alice Gimenez-Bartlett, Sandrone Dazieri; per la musica, i concerti di Vecchioni e di Tricarico, e molti altri.

La vera linfa dell’editoria sono i piccoli e medi editori. Questi sono, infatti, lontano dalle logiche editoriali che spingono i big a puntare su libri di grande richiamo come biografie di personaggi sportivi o libri di ricette delle soubrette televisive. Possono, inoltre, puntare su scelte più coraggiose e originali, sempre mantenendo uno standard qualitativo elevato, con professione, competenza e molti sacrifici.

Tra queste case editrici ci sono la Dark Zone, che in pochi anni è diventata punto di riferimento per gli amanti del genere fantastico (fantasy, distopico, horror, urban fantasy) senza disdegnare il romance o il thriller, che presenterà in anteprima numerosi titoli; la Bakemono Lab, coi suoi libri particolari, spesso contenenti bellissime illustrazioni, come Euridice di Romina Bramanti; la recentissima Nati per Scrivere, NPS edizioni, che presenterà il “Progetto giovani” con i libri “Anime contro” di Alessio del Debbio e “Giovani inversi“, libro illustrato di poesie di Romina Lombardi , testi che si ripropongono l’uno di avvicinare i giovani alla lettura con un romanzo che parla il loro linguaggio, e l’altro di sensibilizzare riguardo il bullismo, importantissimo argomento di cronaca; ci saranno anche fantasy , favole e libri che escono dagli schemi come “Oracoli” di Alessandra Leonardi, di genere storico-mitologico con elementi fantastici.

Le piccole case editrici sono assolutamente da sostenere. Non dimenticate di passare e fermarvi a questi stand dove troverete accoglienza, competenza e simpatia, oltre che tanti bellissimi libri da leggere!