Frammenti

39

Nei frammenti che seguono ho cercato in uno stile umoristico ed ironico e in un modo laconico di far capire il mio parere per quanto riguarda i grandi problemi del nostro tempo, che hanno messo la sua impronta sulla società́ e sull’essere umano. Quello che é più interessante é che in 16 frammenti (di 28 in tutto) ho usato come una base le scoperte, le nozioni, i termini e i fenomeni di diverse scienze – dalla fisica, la matematica e l’astronomia. Ho messo anche fatti curiosi della vita degli scienziati famosi, che hanno un notevole contributo in quelle scienze.

Confrontando questo con la realtà di oggi che é proprio la loro antitesi sono riuscito a giungere a una satira che é il modo in cui volevo esprimermi. Si sa che quelle scienze che ho citato sono state sempre legate una all’altra. Poi la fisica é legata anche alla filosofia – fino al Settecento la fisica veniva chiamata naturofilosofia. Ragionando su questa, la satira anche é filosofia e perciò́ ecco il legame fra la letteratura e la scienza.

Per arrivare a questo risultato ho letto molti libri su quelle scienze e ho usato anche informazioni trovate sul web.

Fra i libri usati, che ho studiato profondamente, ci sono quelli su Albert Einstein, Nikola Tesla e Stephen Hawking. Ho avuto anche difficoltá perché́ sono pochi i fatti che effettivamente si potevano usare e perciò́ il mio impiego a cercarli é stato grande. Mi hanno aiutato anche i rapporti amichevoli con un professore di logica all’Università́ di Sofia “San Clemente d’Ocrida”.

Questo aiuto é stato uno stimolo per continuare il mio lavoro cercando sempre la via giusta. A dire il vero ho cercato anche materiali dalla chimica e dalla biologia ma là non sono riuscito a scoprire qualcosa che mi poteva servire nonostante che, anche esse siano delle “scienze precise”. Quando sono stato allievo la fisica e la matematica non sono state fra le mie materie preferite e avevo voti non molto buoni. Ho fatto perfino un esame di maturità́ sulla fisica e la matematica ma ecco cosa succede nella vita – poi il mio interesse per queste scienze si é svegliato e ho scritto i frammenti.

Nella letteratura bulgara sono pochi quegli autori che scrivono frammenti. Il migliore, secondo me, é Atanas Dalcev. Lui é stato anche un noto poeta. Ma i suoi frammenti sono rimasti nella classica di questo tipo di letteratura. Per quanto riguarda la letteratura mondiale apprezzo molto Nietzsche, Novalis e Chamfort. Rileggo anche adesso le loro opere. E sempre scopro qualcosa di nuovo in esse. I loro libri mi fanno pensare a molte cose e poi la bella cosa degli scritti in forma laconica e breve é che si imparano facilmente a memoria e poi rimangono nella mente per molto tempo.

Frammenti

———

Il romanzo di Orwell “1984” ha avuto un successo mai visto prima nonostante che non sia una storia criminale o d’amore ma è un romanzo satirico. La satira è un tipo d’arte che spesso viene scartato non solo dai critici ma anche dall’élite che sta al governo di un paese. Proprio perciò quello che, un’opera satira ha avuto un tale successo, è una cosa straordinaria. Anche Orwell stesso è un autore straordinario perché aveva osato a far conoscere ai lettori il vero volto del sistema totalitario in un modo canzonatorio. Il volto di quel totalitarismo, che domina anche oggi). Poi é riuscito a mettere su un piedistallo nuovo i creatori della satira nella letteratura perché quelle sono persone audaci e sono soli nonostante la migliaia di gente che licirconda.

Sono sempre stato scioccato ricordandomi del caso Kharms. É morto molto giovane ma é riuscito a creare tanto! Questa é una cosa fantastica. Ma quello che proprio colpisce é la sua assurditá. Essa é il frutto della sua natura di un talento vivo. Poi la sorte aveva deciso che lui nascesse e vivesse proprio negli anni di un sistema pure assurdo, il sistema piú assurdo e vergognoso creato dall’uomo.

Ogni tanto mi sveglio di notte e penso a John Milton. Lui è rimasto cieco e ciò nonostante ha creato “Il paradiso perduto”. Èstato una persona talmente coraggiosa! Dove è però il coraggio della maggior parte dei nostri autori d’oggi? Non ce l’hanno affatto! Loro scrivono solo per guadagnare soldi o per diventare famosi nella societá senza lasciare niente che può arricchire la letteratura. Perciò penso che John Milton, che ha vinto la sofferenza e ha scritto “Il paradiso perduto” “veda” molto di più di quelli che hanno gli occhi sani.

L’animo grande che hanno certe celebrità spesso le priva di qualche cosa nella vita. Un esempio sono Immanuel Kant e Lewis Carroll che non hanno avuto mai una donna. Mi viene il pensiero però che c’è gente, che anche non avendo animo, pure è stata privata di una vita normale. Questa gente solo ostacolava segretamente le più grandi invenzioni del genio umano. E lo fa anche adesso solo per non sentirsi isolata e per dare un po’ di senso alla propria esistenza.

Quelli che hanno talento per scrivere aforismi e frammenti sono così pochi! Ma se un tipo di letteratura viene creato da pochi significa che ha un valore più grande.

La genialità è genialità per questo che stupisce e non si può spiegare. Ma l’assurdità è in questo che le azioni di molti di noi non si possono spiegare anche se ciò nonostante non sono affatto geniali.

Uno può essere una persona nota nella società e può anche essere superbo ma non può tuttavia rendersi conto che così danneggia sé stesso. E può essere dannoso per molti altri, per noi, e perfino per il ricordo di tutti noi nel futuro.

L’arte e le scienze sono la piu grande manifestazione dell’animo umano. Quelli che sono nati per crearle portano un dono di Dio. Se uno è benedetto in questo modo, spesso pensa che questo lo avvicina al Signore perché le sue opere rimarranno immortali. Questo è una tentazione per l’uomo che spesso lo fa patireperfino tanto.

Se uno è spinto nella palude della vita umana in lui si sveglia una forza di autoconservazione che lo costringe a cercare di tornare a galla. Una forza tanto grande quanto pesano le disgrazie cui era riuscito a sopravvivere e che aveva respinto. Solo cosí continua a sentirsi un essere umano.

Si dice che le sventure non solo ci colpiscono, ma anche ci portano bene. E questo è un vantaggio per noi. Se non fosse così non potremmo dire spesso: “Stiamo bene perchè sempre c’è qualcuno che è pronto a farci del male”.

La fisica, come scienza della materia e le sue regole, ha aperto la strada davanti all’umanità al fine di poter usare questa materia, creando belle cose. Ma ci sono persone che si sono eliminate da sole a causa del potere che cercavano di ottenere. Alla fine rimarrà solo uno e il suo monumento.

Il famoso scienziato Isaac Newton che ha scoperto la regola dell’attrazione deve essere stato deluso perchè gli esseri umaninon sono come le cose – non si attirano, piúttosto si respingono fino a tal punto che desiderano la morte reciprocamente.

Nikola Tesla che è stato indifferente ai soldi e alle donne, si era dedicato completamente alla scienza. Ma è stato disamato da molti che cercavano il proprio profitto e che hanno privato apposta l’umanità di una cosa tanto bella – l’elettricità libera dalla ionosfera. Quella era la scoperta più grande del povero e senza un’istruzione speciale, Nikola Tesla.

La scoperta di Nikola Tesla nel campo dell’elettricità che poteva dare tanto profitto non è stata realizzata, perché la gente maligna l’ha incolpato di aver usato la magia. Tale gente piena di bile è sempre esistita. È come se sia stata programmata per annientare ogni invenzione del genio umano.

Tesla è riuscito a far accendere le lampadine da chilometri di distanza. Ma purtroppo la “luce” nella anime di molte persone èminore di quella di una semplice lampada.

Einstein non amava affatto essere noto e disprezzava la fama, ma ecco che il destino l’ha reso celebre. Ci sono tanti che non possono raggiungere questo suo modo di pensare e amano la celebrità, eppure rimangono disprezzati.

Alessandro Volta ha fatto la prima batteria elettrica e il suo contributo scientifico è talmente grande che la misura della tensione elettrica porta il suo nome. Il grande Volta! Ma lui non ha potuto neanche immaginare quanta poteva essere la tensione nei rapporti umani – cosí grande che può distruggere il mondo e non c’era una batteria che poteva essere catalizzatrice perché il mondo rimanesse intatto.

La grande discussione fra Niels Bohr e Albert Einstein è stata se il mondo fosse governato dall’indefinito o no. Ci sono due opinioni contrarie. Ma per quanto riguarda l’uomo tutto è definito perché non c’è una cosa più sicura di quella che nell’avvenire l’uomo educato sparirà perchè l’essere umano si stia avvicinando sempre di piú alla bestia.

Il filosofo greco antico Pitagora è rimasto famoso con il suo studio per le cifre e che nella natura la quantità regola tutto. Questa regola fa pensare che la verità vince sempre, anche quando certe persone vorrebbero nasconderla. Poi a dirlo più precisamente c’è anche quello che la quantitá porta cambiamenti nella qualitá – questa é una legge della dialettica. Pensandoci arriveremo alla conclusione che la popolazione degli uomini ècosì cresciuta che ha portato a cambiamenti nella “qualitá” degli esseri umani talmente grande che come cifra si deve esprimere con uno zero assoluto!

Il geniale Archimede ha fatto invenzioni nel campo dell’ingegneria con cui è stata difesa la sua città nativa di Siracusa. Lui é stato ucciso da un soldato romano (nonostante che fosse proibito ucciderlo). Che sorte! Ma il male non èsempre male perché se fosse rimasto vivo le sue invenzioni sarebbero state a disposizione dei romani e allora Roma non sarebbe stata vinta. L’Impero Romano poteva trasportare il suo potere attraverso i secoli e anche oggi potevamo essere suoi schiavi. E perfino esserne felici!

Il grande Galileo Galilei – creatore della metodologia scientifica moderna, il quale é stato portato da Dio a fare le ricerche nel campo dell’astronomia, é stato umiliato della Chiesa ufficiale e costretto a rinunciare che Copernicus aveva ragione sulla Terra che gira intorno al Sole. Questo processo ingiusto simile a quello contro Socrate ci fa pensare come il dogmatismo impedisce lo sviluppo e il progresso. E questo dogmatismo adesso puó uccidere non solo persone single, ma tanta gente perchè il male cresce. Diventa sempre più grande.

È stato approvato anche dalla scienza che la fantasia è piú grande del sapere. Ma la mediocritá che è una forma della stupidaggine vince perfino la fantasia.

La vita è un’equazione con molte incognite. E il nostro destino èdi essere non conosciuti tranne poche persone celebri.

Nonostante che Venere sia molto più calda della Terra, la Terra non può diventare normale perché qui esiste la lava scottante del terrorismo e noi non possiamo difenderci.

Gli asteroidi con una traiettoria che attraversa quella della Terra sono una cosa pericolosa. Ma l’asteroide piú pericoloso é la popolazione di piú di 7 miliardi di persone che sono schiave delproprio subsonscio.

Aristotele credeva che la Terra fosse il centro dell’Universo. Ma lui era Aristotele e a tali personalità è permesso fare anche uno sbaglio. Ma c’è tanta gente che è molto inferiore ad Aristotele, fa molti sbagli e cerca di nasconderli.

Se mandate una lettera a Marte vi costerebbe $ 18 000. Una cifra enorme per una cosa “semplice”. Ma se ci pensiamo bene molti pagherebbero anche di più (rischiando perfino la propria vita)per quanto questi $ 18 000 fossero una cifra piccola per loro.

Anche presa totalmente dalla passione una coppia non può fare sex nel Cosmo, perché lì manca la gravitazione e l’atmosfera. Ma facciamoci la domanda: Qui, sulla Terra, dove il sex ècompletamente possibile, perché si fa sempre più di rado e senza piacere dalla maggior parte della gente? E perché sempre di piùl’essere umano diventa simile ad una “macchinasenza anima.

===

Frammenti

Frammenti