Il figliuol di Latona avea già nove

105
figliuol di Latona

Il figliuol di Latona avea già nove
volte guardato dal balcon sovrano,
per quella ch’alcun tempo mosse invano
i suoi sospiri, et or gli altrui commuove.
Poi che cercando stanco non seppe ove
s’albergasse, da presso o di lontano,
mostrossi a noi qual huom per doglia insano,
che molto amata cosa non ritrove.
Et così tristo standosi in disparte,
tornar non vide il viso, che laudato
sarà s’io vivo in più di mille carte;
et Pietà lui medesmo avea cangiato,
sì che’ begli occhi lagrimavan parte:
però l’aere ritenne il primo stato.
– Là dove l’assenza di nove giorni di Laura da Avignone fa sospirare d’amore il poeta e intristire il sole, il quale la cerca ma non sa dove sia, quindi appare in cielo coperto di nubi, non avendo visto il suo addolorato ritorno –


Il figliuol di Latona avea già nove

Dal ‘Canzoniere’ di Francesco Petrarca