Il guazzabuglio burocratico

63

Il guazzabuglio burocratico

Sagorcheck era un mesto impiegatuccio, che voleva interloquire con il capo ufficio Truznovic, ma doveva firmare un modulo alla portineria dove il messo Brugfermatic, che lavorava con la supervisione del responsabile di turno Ibzugrovonic.

Aspettava il nulla osta per i moduli dal vicario Mecrewuzzonet, rilasciato solo dopo l’approvazione del capo area Kribiretovsvatic, che avrebbe poi faxato in suo parere al prefetto Bucariovic, marito della potente signora Zubinova, che reggeva il dipartimento affari complicati, dove la pratica giacente in attesa del bollo apposto dallo stampiere Gruberzdragomir, poteva finalmente giungere nell’anticamera di Truznovic, che nel frattempo, colpito da un violento attacco apoplettico e deceduto, veniva sostituito dal vice provvisorio Psibirionocur, che non conoscendo il contenuto delle pratiche seguite da Truznovic, rispediva la missiva nelle mani del messo Brugfermatic…

…il quale in attesa del secondo bollo, tornava a bersi una tazza di caffè con la vicina di casa dell’amico Gondrmuzic, con cui intratteneva una relazione amorosa di tipo transitorio.

Il guazzabuglio burocratico