Installazioni di scarpe a Frosinone. Coronavirus Art?

181

Installazioni di scarpe a Frosinone. Le foto sono della pagina “Frosinone mi piace“. Sono appunto delle installazioni di scarpe, che stanno attirando curiosità dando vita a molteplici ipotesi sul messaggio che vogliono trasmettere. Finora nessuno “ha rivendicato” il gesto e quindi al momento la mia analisi è solo frutto del messaggio, che è arrivato a me. Negli anni passati questa città è stata attraversata dal movimento Nostra Signora ARTE, che agiva di notte per stupire la città, per poi rivendicare l’azione. Con questo non sto certamente dicendo che anche questa volta sia operazione di un artista di quel movimento.

Certamente l’autore è riuscito al omento a creare curiosità e a far viaggiare la fantasia di chi le ha notate e di chi come me le ha viste in rete.

Nelle mie poche uscite i miei occhi sono stati catturati da immagini del film surreale dove sono stata scaraventata da questo nemico invisibile il signor Coronavirus. Uomini e donne con le mascherine, posti di blocco…Diversi artisti con le installazioni di scarpe hanno lanciato un messaggio. La più famosa è certamente l’artista messicana Eliana Chauvet, le sue scarpette rosse per denunciare la violenza sulle donne, sono diventate virali, diffuse in ogni dove. Pejac un artista spagnolo a Londra le usa per sfidar la forza di gravità e stimolare l’immaginazione. Kounellis esponente dell’arte povera le usò a Napoli a Piazza del Plebiscito scarpe schiacciate dalle traversine dei binari. Oppy De Bernadi ispirato dall’arte di Pirandello la scarpa come metafora dell’identità, del cammino di una persona. Laura Govoni 1200 scarpe verdi nella basilica del Santo a Padova verdi per salvare il pianeta.

Tantissimi altri artisti hanno lanciato messaggi e provocazioni utilizzando le scarpe come strumento di comunicazione.

Shoefit è il fenomeno, così battezzato negli USA, di appendere scarpe allacciate sui lampioni. Servono per indicare che è ci si trova in un luogo di spacciatori. Le scarpe che penzolano, però, servono anche a festeggiare una laurea. Partiamo quindi alla ricerca del messaggio che si nasconde dietro le installazioni di scarpe a Frosinone. Per il momento si può dire grazie alle foto raccolte dalla pagina Facebook Frosinone mi piace e tracciare un percorso fatto dall’artista o dagli artisti. Quelle scarpe possono voler nascondere un desiderio di poter correre e di fare footing senza essere “etichettato” come “untore”. Le scarpe finora esposte sono di marca, ah chiariamo subito sono “single” non si possono accoppiare con le altre.

Le scarpe al tempo del Coronavirus racchiudono non solo la voglia di correre, di poter fare una passeggiata, ma vogliono anche ricordarci di cambiare le scarpe quando si rientra a casa per disinfettarle.