LA GRANDE STORIA DEGLI OLI ESSENZIALI

Se per secoli spezie e resine sono state utilizzate in cerimonie religiose, sacrifici e per imbalsamare il defunto, è difficile stabilire la data esatta della prima estrazione di “olio essenziale”.

I primi resoconti sull’ottenimento di prodotti naturali sono contenuti nei libri sanscriti degli Ayurvedas.

Gli indù conoscevano la fermentazione, producevano prodotti per distillazione come le essenze di calamo e andropogon. Ma queste erano soluzioni alcoliche: le prime distillazioni venivano utilizzate per ottenere l’alcool da un vino, dallo spirito dal miele fermentato.

Egiziani e persiani, esperti nell’arte della distillazione.

Gli egiziani e i persiani erano esperti nell’arte della distillazione. Isolarono i profumi, conoscevano l’essenza della trementina, derivante dalla resina di “Pistacia terebenthus”: senza dubbio il primo olio essenziale estratto dalla distillazione a secco.

I Greci fecero grande uso di oli profumati. Lo hanno usato per guarire. Durante l’epidemia di peste ad Atene, Ippocrate (377 a.C.) prescrisse grandi fuochi di ginepro, cedro, boschi profumati e piante aromatiche. Nel I secolo d.C., un medico greco dell’Asia Minore, Discoride, scrisse un libro “A proposito di questioni mediche” sugli usi medici dell’acqua distillata.

I romani, grandi fruitori di profumi, usavano aromi sotto forma di grassi aromatici o olio profumato. Conoscevano le proprietà antibatteriche e antisettiche delle piante aromatiche che coltivavano. Durante la grande epidemia che portò la peste, Esculapio avrebbe consigliato di fumigare essenze come rosmarino, alloro, salvia, cannella, chiodi di garofano.

Gli arabi, esperti di “Alchemia”, medicina e acque sorgive naturali, inventarono, nell’alto medioevo, la bobina per migliorare la refrigerazione del prodotto distillato.

Nel IX secolo, gli scritti di Geber descrivono la distillazione a secco e la distillazione acquosa.

Nel 13 ° secolo, Arnold Villanova di Bachone ha dato, insieme a trementina e rosmarino, la prima seria descrizione della distillazione di oli essenziali. Raymond Lulle riesce in quello della salvia. Allo stesso tempo, la distillazione di mandorla amara, mandorla di strada, cannella, rosa, legno di sandalo ebbe successo. Ma in realtà era acqua distillata aromatica.

Gli apparecchi di distillazione si evolvono Nel XIV secolo si evolvono gli apparecchi di distillazione. Solo l’olio di trementina è un vero olio essenziale.

Alla fine del XV secolo, un medico di Strasburgo, Jérôme Brunschwig, menzionò solo gli oli di aspic, trementina, legno di ginepro e rosmarino, ma questi distillati erano ancora molto alcolici.

Nel XVI secolo, Giovanni Battista della Porta scrisse il libro “De Distillatione” in cui distingueva tra oli grassi, oli essenziali e il modo di separare le essenze dalle acque aromatiche distillate.

Nel 17 ° secolo, gli olii essenziali videro le loro prime applicazioni in quanto tali. In particolare in Provenza, i farmacisti e gli erboristi prescrivono gradualmente oli essenziali di lavanda, timo, rosmarino.

Alla fine del 19 ° secolo, con l’avvento della chimica organica, le essenze rivelarono gradualmente i loro segreti: erano la miscela di molti componenti, terpeni, alcoli, esteri, aldeidi, chetoni, fenoli …

Fu solo verso il 1970-1980 che alcuni medici specializzati in fitoterapia e aromaterapia – il dott. Jean Valnet firmarono il primo trattato nel 1976 – e prescrissero preparati magistrali a base di oli essenziali come capsule, supposte, ovuli , sciroppi, pomate, gel, creme, oli da massaggio e gocce durante il trattamento, un set terapeutico in grado di alleviare o persino curare. È ancora necessario rispettare il dosaggio e la durata del trattamento.

Néroliane è prima di tutto la Costa Azzurra dei profumi: una storia e una conoscenza legate alla luce della regione di Grasse, alla ricchezza del suo patrimonio olfattivo e alla produzione di piante profumate.

Gli aromi alimentari che distribuiamo oggi provengono esclusivamente dai laboratori storici della profumeria di Grasse, depositari del doppio know-how di distillazione e coltivazione di piante aromatiche.

Les origines

DALLA BIGARADE A NÉROLIANE

Le origini

La storia inizia a Vallauris all’inizio del XX secolo quando i co-fondatori di Néroliane iniziarono la commercializzazione della corteccia di bigarade, un albero da frutto appartenente al genere citrus che cresce come specie autonoma in sud america e viene utilizzato proprio in Francia ( dove nascono questi aromi naturali) per la creazione di oli essenziali e aromi naturali. Questa attività è rafforzata dall’importazione di piante aromatiche e oli essenziali e dalla distillazione di piante e fiori locali come rose o iris. Fu allora la grandezza di Grasse: la città si onorò della giustizia come capitale mondiale del profumo. La società ha istituito una rete di importazione negli anni ’70, che è rapidamente aumentata in oltre 40 paesi.

L’espansione dell’azienda continua sotto l’impulso di un genero che crea filiali in Spagna e in Libano e costruisce il laboratorio necessario per lo sviluppo dell’azienda.

A suo tempo, il marchio Noliane ha firmato la volontà dell’azienda di aprirsi a un vasto pubblico mettendo le materie prime aromatiche autentiche alla portata di tutti.