Marotta lascia la Juve: il motivo, chi lo sostituirà e dove andrà

56

Perché Beppe Marotta lascia la Juve? Sono in tanti a chiederselo, considerando che la vecchia signora, da quando lui è direttore generale e amministratore delegato, è tornata a vincere. Essendo approdato ai bianconeri nel 2010. Quando la Juventus si stava rialzando dalla batosta di Calciopoli e l’Inter la faceva da padrona.

Nella stagione 2011-2012, Marotta porta a Torino Andrea Pirlo e Arturo Vidal. E la Juventus torna a vincere uno scudetto dopo 6 anni. Sarà il primo di una lunga serie, di 7 scudetti di fila. L’annata successiva fa vestire la maglia bianconera a Paul Pogba, cui segue nel 2013 l’ingaggio di Carlos Tévez. Dal 2011 al 2014, il club torinese stabilisce l’ulteriore primato di quattro double nazionali consecutivi, in virtù delle altrettante affermazioni in Coppa Italia.

Nell’estate 2016 tratta la cessione di Pogba al Manchester Utd per 105 milioni di euro e l’acquisizione di Gonzalo Higuaín dal Napoli per 90, che divengono all’epoca le due operazioni di calciomercato più onerose, rispettivamente, al mondo e in Italia. Quest’ultimo un record superato due anni dopo dallo stesso Marotta, con l’acquisto di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid per 105 milioni di euro.

Alla luce di questi numeri, la notizia dell’addio di Marotta alla Juventus è stata alquanto spiazzante. E ci si chiede il motivo delle sue dimissioni da dirigente e amministratore delegato dei bianconeri. Alcune indiscrezioni però sanno di clamoroso. Come clamoroso sono altre due notizie ad esse correlate: dove andrà Marotta e chi lo sostituirà alla Juventus.

Volete sapere perché Beppe Marotta lascia la Juve?

CONTINUA A LEGGERE