Mi manchi Parigi

448
Mi manchi Parigi

Mi manchi Parigi


Mi mancano odori e sapori
luci e colori
di una città che sento mia
non si tratta solo di simpatia!

I piccoli bar chiamati bistrot,
gli sguardi sfuggenti seduti in metrò.

I boulevard ovvero i grandi viali
alberati e pieni di locali.

Curiosi i turisti alle vetrine invitanti,
anche artisti di strada tra i passanti.

Chi dona un sorriso,
chi con la musica ti porta in paradiso…
non è importante da dove proviene
ma senti che la sua storia già ti appartiene,
e getti come dono una moneta
poi prosegui la tua meta.

Ogni luogo visitato e ogni istante vissuto,
ricorderai quanto ti è piaciuto.

Come fosse una città di un mondo a parte
che ti regala emozioni sotto forma di arte.

Parigi è storia, cibo e amore
di emozioni ti riempie il cuore.

L’odore del pane fragrante
appena mordi una baguette croccante,
ostriche, macarons ed escargot,
paté, champagne a Le Deux Magots.

La fisarmonica come colonna sonora
comincia al mattino buonora
e accompagna chiunque viva intensamente
e lo rapisce letteralmente.

Ad una cena romantica o a un rendez-vous
a la Défense o al Centro Pompidou.

Passeggiando in primavera nei bei parchi verdi
delle più belle sinfonie si possono ascoltare gli accordi
un po’ come essere al gran teatro dell’Opera
e sentire la propria mente libera.

Lasciarsi andare ad un pensiero sublime
e raggiungere della felicità le più alte cime.

Ti ricordo con un tatuaggio
in attesa del prossimo viaggio…


Mi manchi Parigi