Tutte le coppie vogliono sposarsi in Puglia. Vediamo perché

La Puglia detiene il 10% dei matrimoni di stranieri, una spanna sopra altre regioni che sembravano essere le preferite a livello mondiale, come la Toscana o il Friuli Venezia Giulia.

58

Sposarsi in Puglia? Perché mai? La Puglia è stata nominata la regione più bella del mondo dalla National Geographic nel 2017. Questo, probabilmente, le ha portato un’immensa popolarità tanto che sempre più stranieri la scelgono come meta per le proprie nozze.

Le spiagge bianche, il mare pulito, i borghi medievali, le distese di ulivi, la pizzicano e l’offerta gastronomica sono un richiamo irresistibile per tanta gente appartenente alle più svariate culture che sogna il ”sì, lo voglio” in un posto affascinante e particolare.

La Puglia detiene il 10% dei matrimoni di stranieri, una spanna sopra altre regioni che sembravano essere le preferite a livello mondiale, come la Toscana o il Friuli Venezia Giulia.
Masserie, ville, castelli dallo stile chic e raffinato sono perfette per celebrare matrimoni di diverso genere. La Puglia è ormai salita sul podio delle destinazioni più in voga soprattutto per festeggiare matrimoni di lusso (i prezzi, infatti, sembrano non essere dei più accessibili, ma infondo, è la regione più bella del mondo!)

Ma cosa ha portato la Puglia a una tale fama nel giro di così poco tempo? Perché tutti vogliono sposarsi in Puglia?

Sicuramente ha c’entrato molto il fattore spettacolo. Nel giro degli ultimi anni sempre più vip hanno scelto la Puglia come meta per le loro vacanze: Ivanka Trump, Madonna, e i primi sposi Justin Timberlake e Jessica Biel.
Le zone più richieste sono la Valle d’Itria, l’amatissima Polignano a Mare (diventata popolare in America dopo le nozze di Liam e Hope in Beautiful, ma anche in Cina per quelle tra la popstar Hiraku Utada e il fortunato cameriere Francesco Calianno). Seguono anche Monopoli, Savelletri, Ostuni, Bari, Alberobello e Fasano. Lecce incanta per la sua bellezza artistica e architettonica.

Lo straniero si sente arricchito dall’arte e della cultura.

Non dimentichiamo infatti come i borghi nostrani abbiano un aspetto tipicamente medievale. Ciò che affascina è sentirsi indietro nel tempo nonostante la Puglia sia una regione di un paese occidentale, l’Italia.
Certamente anche il cinema ha fatto la sua parte. Dopo il film ”Il racconto dei racconti’’, candidato al festival di Cannes nel 2015, pare che il sogno ricorrente di molti stranieri sia quello di sposarsi a Castel del Monte. Purtroppo pare che per il momento non sia possibile.
Qualsiasi cittadino straniero pur non avendo la residenza in Italia può contrarre matrimonio nel nostro Paese, fornendo un valido documento di riconoscimento. I più decidono di sposarsi in Puglia naturalmente secondo il rito contemplato dalla loro religione. In tutta la Puglia sono situate, infatti, chiese appartenenti ai più svariati credi.

Gli appartenenti all’Islam si sposano nelle moschee.

A Bari c’è la più grande moshcea d’Italia. Anche per loro la cerimonia prevede di dichiararsi amore eterno davanti a un sacerdote. Il giorno seguente alla cerimonia di nozze, una volta consumato il matrimonio, si tiene un ricevimento nuziale offerto dallo sposo e dalla sua famiglia con lo scopo di rendere il matrimonio pubblico alla comunità.
La festa matrimoniale tradizionale, ancora oggi mantenuta presso molte famiglie arabe, è un tripudio di colori, musiche e canti arabi. I festeggiamenti per il matrimonio sono molto importanti in Medio Oriente e coinvolgono tutta la comunità, più o meno come accade anche qui in Puglia.

Non tutti i mussulmani arrivano dal Medio Oriente però: tantissimi provengono da nazioni europee. Ovviamente non mancano neanche i matrimoni di cittadini dell’Occidente, soprattutto statunitensi e russi svolti prevalentemente in chiese evangeliche e ortodosse ( diffuse soprattutto nel brindisino e nel barese), davanti a un pastore, solitamente all’aperto. Luoghi privilegiati le colline e le spiagge.

Altra etnia che negli ultimi anni sta prediligendo la Puglia è quella indiana.

Il Vivaha è una cerimonia sfarzosa che ha preso sempre più piede in Puglia dopo che nel 2014 il, Ritika Agarwal (terzogenita del milionario del ferro Pramod Agarwal) e Rohan Ketha, erede del fondatore della casa di moda Mexx, si sposarono a Fasano, festeggiando per tre giorni portando con sé addirittura degli elefanti.
Non mancano i matrimoni celebrati secondo il rito shintoista. Gli sposi del sol Levante sembrano prediligere il Salento per la sua arte, soprattutto nelle mezze stagioni, considerate le più propizie per il matrimonio.
Naturalmente anche le sale ricevimento hanno il loro fascino: all’estero i matrimoni vengono festeggiati soprattutto in casa, o in dei rinfreschi: le nostre sale sono quindi una grande novità per chi viene a sposarsi da altre parti del mondo. Qualche nome tra le più gettonate?

Il grand hotel Riviera a Lecce, l’Hotel Monte Sarago a Ostuni, la masseria Santo Stefano a Bari.

Gli unici a snobbare la Puglia (forse un po’ anche per invidia) sembrano essere i mediterranei, in particolare francesi e spagnoli.
Naturalmente non mancano i matrimoni misti, triplicati negli ultimi dieci anni. Ma questa è un’altra storia.
Una bella soddisfazione e soprattutto, un incremento in business per una regione che è diventata conosciuta e apprezzata nel mondo solo di recente.

Angelica Rubino