Come l’ansia ha limitato la mia vita in tanti aspetti?

Come sopravvivere agli attacchi di panico....

200

imagesL’ansia è uno stato psichico che un individuo comincia a provare così improvvissamente …

Nella vita ognuno di noi ha vissuto momenti d’ansia, chi per un esame importante, chi per un problema da affrontare e chi per altro.

Ma finché l’ansia non diventa uno stato continuo nella nostra vita, non c’è da preoccuparsi.

Io sono una ragazza di 26 anni, e sin da piccola soffro d’ansia.

Tutto é iniziato dai periodi della scuola media, ero leggermente in sovrappeso e questo per me era un problema di lieve entità inizialmente. Ma poi, pian piano, ha cominciato a darmi un senso di oppressione perché quando andavo in giro la gente mi guardava e mi fissava magari per dire:

”povera ragazzina, così piccola e cosi tanti kg addosso”…

Ed io, se magari avevo l’intento di mettermi a dieta, la gente me lo faceva passare…io dovevo dimagrire per piacere a me stessa, non per piacere agli altri e la gente doveva farsi i fatti propri, ma ero piccola, ed ancora non avevo capito che in questo mondo, la gente vive anche per giudicare…

Passava il tempo ed io crescevo ed insieme a me cresceva questo senso di opprensione e di paura nelle cose…

Avevo paura di prendere un brutto voto, avevo paura di dire la mia opinione in determinate circostanze e se litigavo con una mia amica cominciava a battermi forte il cuore da non smettere mai…

La situazione della mia ansia divenne più tragica con la scoperta della malattia di mia nonna: la SLA: ”sclerosi laterale amiotrofica…una malattia degenerativa che colpisce le cellule cerebrali legate al controllo dei muscoli impedendo così i movimenti della muscolatura”.

Una malattia grave che ti distrugge fisicamente, ma mentalmente rimani cosciente…vedevo la mia nonna spegnersi giorno dopo giorno ed in me cresceva quella paura di perderla…

Da quel momento l’ansia é aumentata ed ho comnciato a soffrire di attacchi di panico… mi svegliavo in piena notte per paura che fosse accaduto qualcosa a mia nonna…

Ma questa terribile paura, presto è diventata realtà… la mattina del 19 ottobre del 2008 mia nonna è deceduta… con un dolore immenso. Ho cercato di andare avanti e di superare sia la sofferenza per la sua perdita e sia questa terribile paura..

Ma continuavo a soffrire di attacchi di panico e con estrema difficoltà riuscii a terminare la scuola superiore raggiungendo il diploma. Avevo un’unica fortuna: ero brava a scuola e studiavo, questo mi ha aiutata…

Ma ero stanca di vivere così. Ero diventata anche morbosa verso i miei cari, in particolar modo verso mia madre…avevo sempre paura che gli succedesse qualcosa…

Ma un giorno accadde una cosa che cambiò tante cose: vidi il ricordino con la foto di mia nonna, mentre lo guardavo sentii improvvisamente una forza in me, e da quel momento capii che dovevo combattere quest’ansia, questo senso di angoscia che mi opprimeva su tutto…

Non è stato facile, ma in parte c’è l’ho fatta, ho cominciato ad affrontare le mie paure a poco a poco. Ancora soffro un pò d’ansia, sarei ridicola se non l’ammettessi, ma ho ritrovato un pò di sicurezza in me. E se dentro mi sento quei battiti forti come un tempo nonché quel senso di paura, cerco di distrarmi e non pensarci…

Tutto questo mi ha fatto capire che la vita non è facile per nessuno, i momenti brutti li viviamo tutti, ma dobbiamo sempre restare lucidi con la mente e trovare quella forza interiore per andare avanti….perché se stiamo male mentalmente vedremo sempre tutto nero davanti a noi e fisicamente ci sentiremo stanchi e pigri…

 

‘Rosa Vittoria S.

1 COMMENT