La dieta chetogenica funziona davvero? Le ultime novità

56

La dieta chetogenica funziona davvero? Perdere peso mangiando grasso: questa è la sorprendente, per non dire altro, promessa della dieta chetogenica. Utilizzata da quasi un secolo contro alcune forme di epilessia, la dieta chetogenica si è progressivamente affiancata alle diete dimagranti più conosciute. Da qualche tempo ha avuto un certo successo, come dimostrano una ventina di libri pubblicati negli ultimi anni e numerosi articoli di stampa che vi sono spesso dedicati. Come funziona questa dieta? Cosa sappiamo della sua efficacia? Facciamo il punto

Cos’ è la dieta chetogenica?

In un essere umano adulto, circa il 10-20% di energia deve provenire da proteine, il 35-35% da lipidi (grassi) e 40-55 % dai carboidrati (zuccheri). La dieta chetogenica si basa su una drastica riduzione dell’apporto di carboidrati (non più di 50 grammi al giorno per un adulto) a favore di un massiccio apporto di lipidi (dal 70 al 90% dell’apporto energetico totale), Con un apporto proteico che rimane al 15-20% delle assunzioni. Piuttosto controintuitivo, in un mondo in cui il grasso gioca un ruolo sbagliato nell’immaginario collettivo.

Gli alimenti a base di cereali (pane, pasta, riso), patate, piatti pronti, dolci, torte e latte (ricchi di lattosio, che è un carboidrato) dovrebbero essere evitati. Alcuni frutti e verdure, troppo ricchi di carboidrati (una banana fornisce circa 30 grammi di carboidrati su 50 richiesti), così come i legumi. D’altra parte, devi scommettere su tutti gli alimenti ricchi di grassi e proteine ​​come oli vegetali, burro, uova, carne, pesce azzurro, avocado, cocco o semi oleosi (mandorle, nocciole …).

Come funziona la dieta chetogenica.

Per funzionare, il corpo ha tre tipi di carburanti alimentari: carboidrati, grassi e proteine. Quando i carboidrati scarseggiano – come nel caso della dieta chetogenica – il fegato inizia a produrre corpi chetonici da grassi alimentari o depositi di grasso nel corpo. Si dice che il corpo sia in “chetosi”: si trasforma in una macchina per “bruciare” il grasso. I chetoni diventano quindi la principale fonte di energia per la maggior parte delle nostre cellule. Questa modifica si verifica in media tra due e quattro giorni dopo l’adozione del piano.

La dieta chetogenica funziona davvero? Aiuta a perdere peso?

“Il problema con queste diete estreme è che c’è un effetto rimbalzo Spesso le persone stanno ingrassando più di quanto abbiano perso in origine. “

“Una dieta drastica di questo tipo ti fa sicuramente perdere peso”, afferma il professor Cynober. “L’individuo può perdere diversi chili in un mese. Ma il problema con queste diete estreme è che c’è un effetto di rimbalzo. Spesso le persone stanno ingrassando più di quanto abbiano perso in origine. ” Il famoso effetto “yo-yo”, che si trova in tutte le diete.

“Gli studi hanno dimostrato che le diete povere di zuccheri consentono di perdere peso più velocemente delle diete povere di grassi. Ma a lungo termine, le curve di peso si uniscono “, ha dichiarato il dott. François Jornayvaz, capo dell’unità di diabetologia degli ospedali universitari di Ginevra e autore di numerosi articoli scientifici sulla dieta chetogenica.

Secondo il medico, dobbiamo differenziare i prodotti della dieta chetogenica dagli altri prodotti – dove i carboidrati sono quasi eliminati – dalle diete a basso contenuto di zuccheri. “Abbiamo motivo di credere che le diete a basso contenuto di carboidrati, che non superano i 130 grammi di zuccheri al giorno, potrebbero essere utili, soprattutto per i pazienti diabetici”, ha detto. Ma dobbiamo essere estremamente attenti al tipo di grasso consumato e favorire quelli di origine vegetale piuttosto che di origine animale, altrimenti esiste il rischio di sviluppare fegato grasso (fegato grasso) e ipercolesterolemia, con effetti dannosi a lungo termine. “

Per ora, anche se le promesse della dieta chetogenica si stanno diffondendo (perdita di peso, ma anche cancro, morbo di Alzheimer, ecc.), Va ricordato che la sua efficacia è stata scientificamente dimostrata solo nell’epilessia.