Problematiche mentali derivanti da emergenze sanitarie

32

Il Covid19 ha portato nelle nostre vite il tema delle emergenze sanitarie e le conseguenti problematiche mentali che possono causare ulteriori disagi. La terapia online di BetterHelp può aiutare ad alleviare lo stress e l’ansia che possono essere causati dalla pandemia di Covid19.

Nei confronti di una condizione di mutamento improvviso, è possibile, che vengano alla luce, due orientamenti del tutto divergenti: il rifiuto o, viceversa, una angoscia sproporzionata. Questo discorso vale per tutte le condizioni di crisi, come uragani, terremoti, pericoli sanitari. A questo punto, è problematico non ammettere l’emergenza sanitaria, come quella da Covid 19, ma in Italia e non solo, c’è  chi non la tiene nel debito conto, in quanto, allo stato dei fatti, è ben gestita. Allo stesso tempo, ci sono persone, più facilmente, suggestionabili che potrebbero esagerare, nel mettere in atto, i provvedimenti consigliati, dall’autorità sanitaria, producendo, in loro, un ansia smisurata e fuori controllo.

Il disagio, dovuto al distanziamento sociale e alla quasi ossessiva, osservazione delle norme igieniche è, enormemente, amplificato, in  quelle persone affette, anche in forma latente, non ancora completamente manifesta, da disturbo ossessivo compulsivo.

Sono più in pericolo, coloro che pensano di essere contagiate o, viceversa, di trasmettere il virus, anche senza volerlo. Le persone che non mostrano alcun sintomo, sentendosi minacciate da un nemico invisibile, attanagliati da un ansia incontrollabile, per placarla, potrebbero cedere al rituale, di lavarsi le mani, in modo compulsivo.   Altre persone, potrebbero chiudersi in casa, evitando contatti sociali, anche protetti, pur non avendo sintomi e non avendo avuto contatti con persone infette, per il terrore, immotivato, di propagare il contagio.

Le persone più sensibili dovrebbero essere educate, a gestire la propria ansia.

E’ necessario, fornire loro,  delle valutazioni concrete del potenziale pericolo, mettendo, in evidenza che  che la maggior parte dei casi non è grave, si risolve a casa e che molti pazienti vengono curati con successo in ospedale. Al contrario, Per altri, evidenziare questo ragguaglio, potrebbe essere considerato, in alcuni casi, svantaggioso, in quanto causa di minimizzazione di messaggi importanti, come, ad esempio, lavarsi le mani e rispettare il distanziamento sociale.  E’ importante una comunicazione equilibrata  e mirata, per coloro che sono esposti al disturbo ossessivo compulsivo,  al fine di  evitare l’incremento o la riacutizzazione di patologie psichiatriche.

Ulteriori considerazioni sulle problematiche mentali derivanti da emergenze sanitarie.

Dott. Sicignano antonio
Medico di Medicina Generale
Medico Psicoterapeuta
Specialista in Ipnosi e Psicoterapia Ericksoniana
Esperto in Psicologia dello Sport
Presidente comitato Campania SPOPSAM
Membro direttivo Nazionale SPOPSAM